Il reggae proclamato Patrimonio dell'umanità. E proprio in Piemonte c'è un gruppo musicale famoso in tutto il mondo, gli Africa Unite.

Il reggae proclamato Patrimonio dell’umanità. E proprio in Piemonte c’è un gruppo musicale famoso in tutto il mondo, gli Africa Unite.

LEGGI ANCHE: Il raggae è patrimonio Unesco, in Veneto hanno fatto scuola i mitici Pitura Freska

Reggae, Patrimonio dell’umanità

L’Unesco (L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura) ha riconosciuto ufficialmente il genere musica reggae, quello nato in Giamaica e reso famoso nel mondo da Bob Marley. Questo dunque è stato lista di patrimoni mondiali immateriali dell’umanità, ritenuto quindi degno di protezione e promozione. Si tratta di musiche che nel corso degli anni hanno trattato tematiche importanti quali le ingiustizie, la resistenza, l’amore e l’umanità.

Una musica che piace

E, nel corso degli anni, dalla Giamaica questo stile è giunto anche nel vecchio continente facendo innamorare generazioni di persone. E proprio in Piemonte, e più precisamente a Pinerolo c’è un gruppo musicale che propone questo genere. Sono gli Africa Unite.

Le origini di Africa Unite

Era il 1981 quando Bunna e Madaski si uniscono per formare gli Africa Unite dall’omonima canzone di Marley, nell’anno della sua prematura scomparsa. Debuttano con il primo album nel 1987, 31 anni fa ormai. MJEKRARI, il loro primo album a cui segue poi l’Ep LLAKA. Nel 1991, esce poi, PEOPLE PIE. Tanti i concerti in quegli anni ma il più importante è nella patria del reggae, quando  aprono il concerto di Gregory Isaacs. Da lì parte il grande successo della band che negli anni li porta a pubblicare i loro album anche in Olanda, Belgio e Francia. Arrivano in Inghilterra e in Iraq grazie ai loro tour. Anni importanti quelli che sono venuti dopo, con album prodotti e tantissime vendite.

Leggi anche:  Torino Outlet Village festeggia il Capodanno Cinese

L’ultimo decennio

Africa Unite ritornano alla ribalta, dopo una breve pausa, nel 200. con l’album Mentre fuori piove. Consenso di critica e pubblico che li porta a produrre la loro seconda raccolta di brani live: UN’ALTRA ORA. Nel 2006 arriva CONTROLLI reggae-dub con un’incursione elettronica, nel singolo Amantide anche Natasja, talentuosa artista già scomparsa.  BIOGRAFRICA UNITE co-produzione di Africa Unite e Universal Music, prende forma nel 2008, e si concretizza in un prestigioso cofanetto monografico contenente due CD e un DVD. Durante l’anno passato, oltre al lavoro di composizione, gli Africa realizzano un breve tour con puntate prima in Spagna e poi a Los Angeles in occasione dell’evento (H)It Week in Italy.  Il 2010 riconduce Africa Unite alle origini con ROOTZ, nuovo lavoro in studio. Dodici inediti che inneggiano alla tradizione, suoni raffinati e arrangiamenti curatissimi, liriche intense.

LEGGI ANCHE: Il raggae è patrimonio Unesco, in Veneto hanno fatto scuola i mitici Pitura Freska