Rifiuti abbandonati a Castiglione. Il problema sta diventando sempre più importante.

Rifiuti Abbandonati

I rifiuti abbandonati a Castiglione stanno diventando un problema preoccupante. Duemila euro per pulire due aree invase da discariche abusive. E’ quanto dovrà spendere infatti il Comune di Castiglione. Soldi della comunità, da «buttare» a causa della maleducazione di qualche persona che ha deciso di abbandonare rifiuti di vario genere in aree a bordo strada di proprietà comunale.

L’intervento del Comune

Da tempo il Comune sta ricevendo proprio dai cittadini segnalazioni continue per la presenza di discariche sul territorio. Non è però così immediato liberare le aree. Il Comune, infatti, per farlo deve affidarsi a Seta, società che gestisce tutta la raccolta sul nostro territorio. Per farlo, dunque, la procedura da seguire è quella tradizionale, caratterizzata prima dalla richiesta di preventivi. Ora, per le due aree in questione da smaltire, il costo totale, appunto, è di 2000 euro.

Gli interventi

Una prima area da pulire è quella di una piazzola di strada Bardassano, lungo la sp 122, al confine territoriale. Qui la spesa è di 250 euro iva esclusa. Una seconda area, invece, è quella di strada degli Scavi, nei pressi del canale Enel, per pulire la quale è stata prevista una spesa di 1750 euro più iva.
In questi ultimi mesi quello delle discariche abusive ha rappresentato certamente un problema molto serio per Castiglione. Con la chiusura del ponte sul Po, riaperto solo lo scorso 26 gennaio, dopo che i lavori si sono prolungati per 13 mesi, l’area della Piana è stata in più occasioni presa di mira da chi abbandona rifiuti in maniera non regolamentare.

Leggi anche:  Capodanno a San Mauro, aperte le iscrizioni

I controlli

E’ per questo motivo che attraverso la Polizia municipale il Comune ha potenziato i controlli, arrivando anche ad identificare e fermare alcuni malintenzionati. Attraverso l’utilizzo delle telecamere, inoltre, sono stati identificati altri personaggi colpevoli di abbandono abusivo. Un vero e proprio pugno di ferro, quindi, da parte dell’Amministrazione, che però ha dato i suoi frutti.