I tecnici sono intervenuti per riparare il semaforo pericoloso tra via Fantina e via Leinì, al Borgo Nuovo di Settimo Torinese.

Semaforo pericoloso

Dopo settimane di polemiche sul non funzionamento del semaforo all’incrocio tra via Fantina e via Leinì, nel quartiere Borgo Nuovo di Settimo, ci sono novità. E’ il servizio Settimo Bene Comune, della Società Patrimonio Srl, ad annunciare l’intervento dei tecnici per il ripristino dell’impianto semaforico al centro di quella che è apparsa come una vera e propria sollevazione popolare. E politica. Perché il tema della pericolosità dell’incrocio è stata più volte oggetto di interventi, anche in Consiglio comunale, da parte dei consiglieri di opposizione.

L’intervento dei tecnici

“Completato il lavoro di Installazione della nuova centralina che regola l’impianto semaforico in via Leinì incrocio con via Fantina”. Così ha annunciato nella giornata di oggi, martedì 9 ottobre, il servizio della società che si occupa delle manutenzioni sul territorio. Lo ha fatto attraverso la pagina Facebook di Settimo Bene Comune. Un vero e proprio portale che i cittadini di Settimo utilizzano, sempre più frequentemente, per segnalare i disservizi sul territorio. 

– SEMAFORO VIA LEINI'-FANTINA: Completato il lavoro di Installazione della nuova centralina che regola l'impianto semaforico in via Leinì incrocio con via Fantina.

Pubblicato da Settimo Bene Comune su Martedì 9 ottobre 2018

Le ragioni del “ritardo”

La polemica sul mancato ripristino dell’impianto, come detto, aveva interessato anche la politica locale. Prima il consigliere di opposizione Felice Scavone (Forza Italia) aveva proposto polemicamente una colletta popolare per reperire i 10mila euro necessari all’intervento. Poi, la consigliera 5Stelle Monica Nucetto aveva chiesto spiegazioni alla giunta in virtù, soprattutto, della necessità di garantire la sicurezza anche dei tanti studenti che frequentano la zona.

Leggi anche:  Ora solare 2018: lancette indietro nella notte fra sabato 27 e domenica 28

La stessa società Patrimonio, replicando alle richieste dei politici aveva annuciato, in una nota, le ragioni del ritardo e rassicurato i cittadini sulla vicinanza dell’intervento di riparazione del semaforo che, proprio oggi, è tornato in funzione.