Via delle Terre d’Acqua, prosegue l’avventura di Marco Leone.

Via delle Terre d’Acqua

Marco Leone prosegue nella sua avventura: Via delle Terre d’Acqua. Leone infatti arriverà a Russi di Romagna sabato 2 giugno. E’ partito da Saluggia domenica 13 maggio.

CLICCA QUI E SEGUI TUTTO IL CAMMINO GRAZIE AL NOSTRO SPECIALE

La Tappa

“Oggi, giornata turistica. Qualche minuto al mare presso lido degli Scacchi, visita di Comacchio e un assaggio di quello che sarà il percorso di domani”. – dice Leone – “Già, domani arriva tutta la truppa si prosegue in allegra compagnia, che bello. Da domani il viaggio si trasformerà in una vera e proprio festa. Comacchio è bellissima, una piccola perla, la chiamano la piccola Venezia per via dei canali che l’attraversano. Ci arrivo al mattino presto quando è ancora semi deserta. E’ bellissimo perdersi e vagare fra i suoi vicoli e canali. In giro non c’è nessuno solo qualche anatra che tranquilla tranquilla va per la sua strada. Qualche commissione e arriva la mia guida, Ider mi raggiunge mi porta nelle valli. Se lo si guarda in faccia si capisce subito: è innamorato perso della sua terra. Mi parla di suo nonno, di quando lo portava fuori in barca e si stava via da casa per giorni”.

Leggi anche:  Asl To4 assume nuovi dipendenti

Storie di anguille di fenicotteri e aironi.

“Son storie di liti di inganni di denunce per sopravvivere su una terra dura per sopravvivere e vivere una vita sul acqua . Già perché un tempo Comacchio era un isola dove si viveva di pesca e di mare. Che bello sentir parlare con il cuore che belli questi incontri veri . Son veramente fortunato ho avuto la possibilità di curiosare fra i ricordi di mille incontri. In questo viaggio mi pare di entrare in una soffitta in un vecchio magazzino, aprire lentamente armadi, bauli e scrigni e curiosare nella memoria di un tempo.
Quello che mi colpisce di più è l’infinita dolcezza dei nostri cuori. Domani si riparte. La strada chiama.