Where Are U e FlagMii: oltre un milione di persone ha scaricato le app che salvano la vita. Un numero davvero importante che è lievitato  dopo la tragedia di Simon Gautier, il turista francese vittima di un incidente in Montagna nel Cilento salernitano e trovato senza vita dopo giorni di ricerche.

In Piemonte attiva FlagMii

Nella nostra Regione però è attiva ormai da qualche anno un’altra app, FlagMii, realizzata dalla torinese Regola S.r.l., produttrice di software sanitario e per l’emergenza.

(Ringraziamo i cittadini che ci hanno segnalato la app)

Come funziona FlagMii

FlagMii interagisce direttamente con gli strumenti delle Centrali del 118 Piemonte e permette di localizzare i feriti disorientati o privi di punti di riferimento utili. L’applicazione funziona in tutta Italia e nella maggior parte dei paesi del mondo ed è disponibile in diverse lingue oltre naturalmente in italiano.

La tragedia in Cilento


(accendi l’audio e ascolta la drammatica telefonata del turista disperso)

Il 9 agosto 2019 in una drammatica telefonata l’operatrice del 118 prova a spiegare ad un incredulo ancorché disperato Simon Gautier che non poteva localizzare il suo cellulare. Il presidente nazionale della Società italiana Sistema 118 Mario Balzanelli accusa lo Stato, reo di non aver ancora pubblicato le direttive dell’Unione Europea recepite nel 2009 che probabilmente avrebbero salvato la vita al povero turista francese. Balzanelli fa riferimento al sistema tecnologico Advanced Mobile location previsto dal decreto del Ministero dello Sviluppo economico del 2009 – ma non ancora disponibile in Italia – grazie al quale anche in assenza di rete internet, dallo smartphone di chi richiede il soccorso parte immediatamente un sms a 112 che comunica le coordinate GPS precise.

Leggi anche:  Open Week End dedicato al brand Mercedes-AMG con Autocentauro

Come funziona Where Are U

Questa app non è attiva su tutto il territorio nazionale, risulta oggi utilizzabile solamente in Lombardia, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, nelle province di Agrigento, Catania, Caltagirone, Enna, Messina, Siracusa e Ragusa e nella città di Roma.

Con l’app Where Are U, è possibile contattare i soccorsi (Forze di Pubblica Sicurezza, Vigili del Fuoco e Soccorso sanitario) in caso di emergenza; l’utente verrà messo in contatto con la Centrale Unica di Risposta 112 della propria zona. Essere individuati è fondamentale per inviare i soccorsi più rapidamente e con più precisione: Where Are U lo fa inviando automaticamente la posizione all’operatore 112 che sta gestendo l’emergenza.

Se l’utente non è nelle condizioni di parlare può seleziona “chiamata silenziosa” e indicare il tipo di intervento di cui hai bisogno. L’operatore saprà come gestire al meglio la chiamata.