Quali serramenti scegliere? Oggi è importante che la nostra casa sia all’avanguardia non solo dal punto di vista del comfort, ma anche da quello dell’efficienza energetica. Quest’ultima la si può ottenere con tanti interventi diversi, primo tra tutti il cambio dei serramenti che sono di fondamentale importanza per l’isolamento e la sicurezza. Legno, legno e alluminio e pvc al momento sono i materiali più utilizzati dalle aziende produttrici.

Legno

Materiale insostituibile per via delle caratteristiche estetiche che garantisce e per per le sue proprietà isolanti. Offre i seguenti vantaggi, da conoscere se state cercando quali serramenti scegliere.

1 – E’ un materiale al 100% ecocompatibile
2 – Oltre che in finitura legno, può essere verniciato in tutte le tinte Ral offrendo così alla clientela risposte concrete per ogni esigenza d’arredamento.
3 – La ferramenta di serie permette l’apertura ad anta e quella a ribalta.
4 – I serramenti in legno oggi sono costruiti utilizzando legno lamellare che è esente da nodi e non libera resina.
5 – E’ più stabile e non si curva nel tempo, garantendo sempre la chiusura perfetta.
6 – E’ un materiale isolante per eccellenza ed è anche quello dal miglior rapporto tra qualità e prezzo.

Ha però anche alcuni difetti:

1 – Il legno sicuramente non è omogeneo. Per questo può presentare, per esempio, vene di diversa grandezza.
2 – Manutenzione periodica indispensabile con frequenza diversa a seconda delle finiture.
3 – Tempi di produzione più lunghi.

Legno e alluminio

I classici infissi in legno sono disponibili anche con un rivestimento esterno in alluminio.
Grazie a questa caratteristica i serramenti legno+alluminio abbinano al calore del legno i vantaggi dell’alluminio. All’interno potrete scegliere l’essenza e il colore preferito; all’esterno tutta l’ampia gamma di soluzioni cromatiche disponibile oggi per l’alluminio.

Leggi anche:  Arredamento etnico, fra originalità e colore

Pregi

1 – Il primo e indiscutibile vantaggio è che il legno è un materiale al 100% ecocompatibile
2 – Oltre che in finitura legno, può essere verniciato in tutte le tinte Ral offrendo così alla clientela risposte concrete per ogni esigenza d’arredamento.
3 – I serramenti in legno+alluminio richiedono internamente solo le normali operazioni di pulizia quotidiana per evitare i depositi di polvere.
Esternamente, grazie alle qualità dell’alluminio, non è necessaria alcuna manutenzione.

Difetti

1 – Il costo di questo tipo di serramenti è senz’altro più elevato.
2 – I tempi di produzione sono leggermente più lunghi rispetto alla media.

Pvc

Il potere isolante caratteristico del PVC, materiale plastico altrimenti noto con il nome di Policloruro di Vinile, consente, unito ai componenti adeguatamente selezionati per il risparmio energetico, di ottenere un serramento che può raggiungere coefficienti di trasmittanza ampiamente al di sotto dei parametri minimi previsti dalla normativa vigente.

Quindi quali serramenti scegliere?

Questo significa per l’utente finale il 30-40% di risparmio sulla bolletta. Tutti i serramenti, quando garantiscono adeguate performance di efficienza energetica, accedono agli incentivi statali del 65%. Significa che, seppur spalmato in 5 anni, il cliente si vede restituire dallo Stato il 55% dell’importo versato al fornitore.