A Lauriano sparano ad un cane perché abbaia troppo. E’ successo nei giorni scorsi in una palazzina. Sulla vicenda indagano i Carabinieri.

Sparano ad un cane

Puntare un’arma contro un cane indifeso che ti guarda con occhi dolci e increduli non pare sia possibile.

Eppure a Lauriano qualcuno l’ha fatto. Ha imbracciato una carabina e in pieno pomeriggio non ha esitato a far fuoco contro quella povera bestiola.

E’ successo nei giorni scorsi nel cortile di una palazzina di via Martiri.

I fatti

I padroni di fido erano usciti per fare alcune commissioni e quando sono rientrati hanno trovato il loro cane steso a terra che perdeva sangue da una zampa e dal ventre. Immediata la corsa dal veterinario per capire cosa fosse successo.

Qui la terribile scoperta: qualcuno aveva sparato contro la povera bestiola con una carabina ad aria compressa. I pallini si sono conficcati appunto nella zampa e nel ventre. Immediatamente hanno sporto denuncia.
E ora sulla vicenda stanno indagando i carabinieri di Casalborgone guidati dal maresciallo Americo Celani.
Pare che dietro questo folle gesto ci sia qualcuno che non sopporta l’abbaiare del cane.

Leggi anche:  Attacchi ai dipendenti, l'assessore: «Non accettiamo questi comportamenti»

La situazione

Ma da qui a prendere in mano un fucile e sparare, anche se si tratta non di pallottole vere e proprie per fortuna, ce ne vuole. Non era la prima volta infatti che, in quello stabile, venivano presentate delle lamentale che avevano come oggetto gli animali domestici.

Più che altro con che coraggio anzi con che arroganza e malvagia si compiono simili gesti?

Non ci sono ne ci possono essere giustificazioni per atteggiamenti così gravi ma solo condanna totale.

I padroni del cane preso a fucilate sono disperati anche perché l’animale è ancora dal veterinario e non è del tutto fuori pericolo.

Sopratutto stentano a credere che qualcuno lo possa odiare così tanto. Sì, forse abbaiava ma è nella natura dei cani…
Loro mai avrebbero pensato che si arrivasse a un gesto così estremo. Tutta Lauriano comunque, appresa la notizia che ha fatto ben presto il giro del paese, è rimasta shoccata.