“State lontano da ponti e corsi d’acqua”, i consigli della Protezione civile regionale.

Allarme meteo

Continua l’onda lunga dell’allerta maltempo su tutto il territorio della provincia di Torino. Dopo le forti precipitazioni che hanno interessato il Piemonte e la provincia di Torino nelle ultime ore, la portata dei corsi d’acqua del territorio è cresciuta a vista d’occhio. Per questo, per l’intera giornata di oggi – martedì 6 novembre – sindaci e tecnici della protezione civile hanno lavorato per il costante monitoraggio dei corsi d’acqua.

“State lontano da ponti e corsi d’acqua”

E’ questione di buon senso. In una situazione di allerta maltempo come questa i cittadini sono caldamente invitati a evitare di recarsi nei punti potenzialmente “pericolosi”, quali ponti e corsi d’acqua. Che cosa fare in caso di allerta? Alla domanda risponde in una nota la Protezione Civile della Regione Piemonte che elenca una serie di “norme di comportamento” da adottare in casi come questi.

I consigli della Regione Piemonte

Per quanto riguarda, in particolare, i fenomeni alluvionali, la Protezione civile della Regione Piemonte raccomanda:

  • Non sostiamo lungo le sponde dei corsi d’acqua o sui ponti.
  • Evitiamo di percorrere strade e sottopassi allagati: un’auto galleggia in poche decine di centimetri d’acqua, un tombino aperto o una buca possono diventare pericoli concreti a piedi o in auto.
  • All’esterno, muoviamoci verso le zone più elevate del territorio.
  • Se bloccati negli edifici, spostiamoci ai piani alti ed evitiamo di scendere in sotterranei o scantinati.
  • Lasciamo libere le vie di comunicazione per i mezzi di soccorso.
  • Collaboriamo con il personale di soccorso
  • Chiudiamo gas e corrente elettrica.
  • Non intasiamo le linee telefoniche con comunicazioni non urgenti
Leggi anche:  Un bazar di merce rubata all’interno di un furgone

La situazione sul territorio

Sul nostro territorio le situazioni tenute in maggiore considerazione, anche se non è ancora stato elevato alcun allerta particolare, sono quelle di San Mauro e Settimo. Per quest’ultimo comune, in particolare, si consiglia – alla luce dei consigli della Protezione civile – di non sostare nei pressi dei ponti e, in particolare, di quello sul Po tra Settimo e Castiglione. Nonostante le raccomandazioni, però, da alcune ore è fitto il via vai di cittadini e di curiosi che vogliono guardare, con i propri occhi, il livello delle acque del Po.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!