Nella notte di domenica un’Alfa Giulietta in via Bruno Buozzi è stata avvolta dalle fiamme: la causa è un cortocircuito

Auto in fiamme in via Buozzi

Sono passati solo pochi giorni dall’incendio doloso che ha colpito l’auto del consigliere pentastellato Aldo Urso, ma un’altro auto in fiamme nel venariese ha fatto scattare l’allarme. Alle 23 del 28 aprile un’Alfa Giulietta è stata avvolta e distrutta dalle fiamme in via Bruno Buozzi. La vettura sostava nel quartiere di Altessano, nel parcheggio situato nel cortile condominiale delle “Case Fiordaliso”.

La causa è un cortocircuito

L’incendio ha causato un boato che è stato notato da tutti i residenti. Subito è stato richiesto l’intervento dei vigili del fuoco e dei mezzi di soccorso che hanno gestito le fiamme provenienti dal’Alfa. Una volta domante le fiamme, si è potuto identificare in un cortocircuito la causa dell’incendio.

Non si tratta del “Piromane della Reale”

L’atto incendiario che ha colpito la Fiat 500 del consigliere Aldo Urso ha chiaramente allarmato tutti. Quello del quartiere Gallo Praile è però un caso differente, fortunatamente ci si trova di fronte ad un incendio le cui cause non sono riconducibili ad alcun tipo di atto volontario. Non si tratta quindi di un’apparizione del “Piromane della Reale”, causa di oltre 120 vetture incendiate negli ultimi anni.