D’Uonno aveva incendiato un’auto con dentro Simona Rocca. Ora è stato condannato per stalking. Il Giudice gli infligge 2 anni e 8 mesi di carcere, due mesi in più della richiesta dell’accusa. Come riporta Notizia Oggi Vercelli

D’Uonno condannato per lo stalking

Alla fine il Giudice Paolo De Maria ha accolto le tesi dell’accusa, condannando Mario D’Uonno a 2 anni e 8 mesi di carcere per la persecuzione operata nei confronti di Simona Rocca. Lo stalking che ha preceduto la feroce aggressione col fuoco alla donna, avvenuta il 4 febbraio di quest’anno, un gesto per il quale deve rispondere dell’accusa di tentato omicidio in un altro procedimento penale. Una tragedia dalla quale la donna, presente in aula e scoppiata in un pianto liberatorio dopo la lettura della sentenza, si è ripresa a fatica.

Condanna più severe della richiesta

La condanna è due mesi più severa dei 2 anni e 6 mesi chiesti dall’accusa, mentre il difensore di D’Uonno ha cercato fino alla fine di dimostrare che l’accusato non aveva perseguitato Simona, ma le aveva chiesto semplicemente un chiarimento.

Fra i messaggi riferiti in aula durante il dibattimento diverse farneticanti affermazioni dall’ormai tristemente famoso “L’ultima cosa che farò sarà mandarti all’inferno” ad altri sempre dello stesso tenore. E’ molto probabile che la difesa chieda un processo d’Appello. Messaggi e comportamenti che riemergeranno per forza nell’altro processo per l’accusa di tentato omicidio.

Leggi anche:  Danni maltempo: alessandrino in ginocchio. C'è una vittima

Il rogo dell’auto

Il rogo dell’auto risale al 4 febbraio 2019. Un’auto in fiamme nel parcheggio di un centro commerciale e una donna, Simona Rocca, di 40 anni, rimasta gravemente ustionata: nel corso della mattinata, l’ipotesi di un incidente ha lasciato il posto a una storia decisamente drammatica. A dare fuoco al veicolo, infatti, è stato Mario D’Uonno, ex guardia giurata di circa 50 anni già denunciato per minacce. Si era costituito a Novara. L’uomo aveva dapprima speronato l’auto, per poi inondarla di liquido infiammabile e appiccare il fuoco. La donna, all’interno dell’abitacolo, ha riportato gravi ustioni ed è stata portata al Cto di Torino.

La lite e le botte

L’uomo avrebbe atteso Simona che stalkerava da tempo, nel parcheggio del centro commerciale dove lei lavora. Sembra che la donna sia stata anche malmenata prima dell’incendio.

La vittima

Simona Rocca è nata nel 1978, di Vercelli, lavora all’Ovs e al momento dei fatti stava appunto andando al lavoro.