Botte e sangue tra le giostre del centro. E’ accaduto a San Mauro nei giorni scorsi.

Botte e sangue

Alle giostre, botte e sangue tra i giovanissimi. Sono arrivati da Torino, chi da Barriera di Milano, chi addirittura dalla zona di piazza Marmolada. Erano tanti, un centinaio, per la maggior parte minorenni. L’obiettivo, uno solo: un regolamento di conti tra adolescenti. Il teatro dello scontro: il centro di San Mauro che, in questo periodo, ospita le giostre in occasione della Festa delle Fragole. Infatti, il pomeriggio di allegria e spensieratezza si è trasformato in un clima di paura e panico generale. I genitori quindi che afferravano in fretta e furia i propri figli per mettersi al riparo da quel fiume di ragazzini che accalcavano, correndo e rincorrendosi, piazza Europa e via Martiri della Libertà.

Le risse

Le risse tra «bande rivali» nei pressi delle giostre sono sempre avvenute, ma quello capitato sabato pomeriggio, verso le 18, ha raggiunto livelli finora inimmaginabili per la cittadina che è San Mauro. La tensione ha cominciato a salire verso le 17 quando, nei pressi della fermata degli autobus, un nutrito gruppo di ragazzi ha cominciato a discutere animatamente. Volano parole grosse, poi spintoni, qualcuno tira fuori addirittura un coltello, secondo le testimonianze di una delle ragazze che ha poi raccontato tutto ai carabinieri della Stazione di San Mauro intervenuti sul posto.

Leggi anche:  Omicidio a Settimo, ucciso un uomo a colpi di pistola LE FOTO

Il panico

Si dissemina il panico generale. Percepito dalle famiglie che si sono date alla fuga in fretta e furia.
Intervengono dapprima i volontari della Croce Verde. Poi il gruppo comunale di Protezione civile che si trovavano sul posto per l’ammainabandiera in occasione delle celebrazioni della Festa della Repubblica. Un ragazzo infatti, visibilmente spaventato, scappa, rifiutando le cure offerte dai sanitari. Sarà intercettato poco dopo nascosto dietro alcune vetture parcheggiate in via XXV Aprile e accompagnato in caserma. Un altro invece viene medicato e trasportato in ospedale con contusioni generiche.

Il bilancio

Il bilancio della rissa ammonta a quattro giovani identificati, tutti minorenni, tra cui la ragazza sentita come testimone dell’aggressione consumata in centro città. Sul posto sono quindi intervenuti i carabinieri della Stazione di San Mauro. Successivamente, una pattuglia della Tenenza di Settimo che hanno raccolto i dettagli di chi ha assistito alla rissa, spetterà a loro il compito di ricostruire la dinamica. Resta inoltre da chiarire il particolare del coltello, infatti, secondo quanto registrato dai militari dell’Arma non risulterebbe.