Bull Terrier aggredisce la sua padrona. Questo è quello che è successo nei giorni scorsi in via Rigonda a San Sebastiano da Po.

Bull Terrier aggredisce la sua padrona

Ambulanze, carabinieri, grida, sangue. Siamo a San Sebastiano, in via Rigonda, lungo la strada che porta in località Villa. Un cane, un bull terrier per essere precisi, ha appena aggredito una ragazza, la sua padrona, di 18 anni. Ne avrà per almeno trenta giorni: braccia ingessate per la lesione dei tendini e le profonde ferite che le hanno dilaniato pelle e muscoli.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

I fatti

Stando ad una prima ricostruzione curata dai carabinieri di Casalborgone, coordinati dal nuovo comandante, il Maresciallo Americo Celani, uno dei due bull terrier di famiglia (definiti «cani gladiatori») avrebbe attaccato la 18enne senza un motivo particolare, mentre si trovava nella propria camera. Infatti, il bull terrier non avrebbe mollato la presa nemmeno alla vista degli altri proprietari (la sorella e un fratello) saliti in camera richiamati dalle grida della ragazza, tanto che la sorella di 19 anni avrebbe iniziato a colpirlo con un bastone (rimanendo comunque ferita agli arti), mentre il fratello (quello ferito ad ottobre) avrebbe addirittura impugnato un coltello da cucina nel tentativo di salvare la sorella. Una volta liberata dalla morsa (forse sono state le coltellate a far mollare il morso) la ragazza è stata tratta in salvo e il cane chiuso in camera.

Leggi anche:  Obbliga la moglie a prostituirsi, indagano i carabinieri

I soccorsi

La macchina dei soccorsi è scattata immediatamente, con l’arrivo a San Sebastiano di ambulanze della Croce Rossa e pattuglie dei carabinieri, mentre i due cani (sia quello responsabile dell’aggressione che l’altro, comunque «difficile») sono stati resi inoffensivi in una grossa gabbia.

Cani abbattuti

E nei giorni dopo l’aggressione i due cani sono stati abbattuti.

Altri episodi

Lo scorso mese di ottobre, i due cani avevano mandato in ospedale tre persone. Un un amico del proprietario (il fratello minore delle due ragazze), per poi azzannare anche quest’ultimo e una delle sorelle, intervenuta per cercare di calmare l’animale e liberare gli amici. I tre feriti erano stati subito trasportati in ospedale a Chivasso con ferite alla testa, alle gambe e alle braccia. Dopo mesi di calma, lo scorso giovedì i bull terrier avrebbero invece rotto la recinzione a ucciso una dozzina di polli di un vicino.