Il cavallo seviziato rischia di tornare dl suo aguzzino. Il cavallo è ospite del rifugio Il Cane Vagabondo di Barbania, in Canavese.

Cavallo seviziato

Il cavallo Apollo era stato  maltrattato e adesso è  nel rifugio Il Cane Vagabondo di Barbania, ma c’è il rischio che torni al suo proprietario accusato di maltrattamenti. L’ animale è nel rifugio da un anno.

Il caso

Il Tribunale di Ivrea ha  chiuso il caso come reato minore, emettendo un decreto di condanna e il pagamento di una multa nei confronti del proprietario del cavallo che, attraverso il suo avvocato, si è opposto e ha chiesto di andare a giudizio.

Le associazioni animaliste

Le associazioni animaliste affermano di non essere neppure state avvisate della causa, volevano costituirsi parte civile, ma adesso si teme che non ci sia più tempo per intervenire e che Apollo possa ritornare nel luogo in cui veniva torturato.

Le sevizie

Apollo era stato salvato nel giugno 2018, era infatti in una baita nelle montagne di Corio. Era denutrito e con evidenti segni di maltrattamenti. Era stato accolto nel rifugio Il Cane Vagabondo di Barbania. La vicenda aveva scosso l’opinione pubblica tant’è che erano state raccolte circa 190 mila firme in line per salvare il cavallo Apollo. Ma adesso tutto questo potrebbe essere inutile.

Leggi anche:  Incidente sulla Torino-Brescia, morti due torinesi

LEGGI ANCHE: E’ morta Jasmine: la cavalla liberata dalla stalla-lager