Cimitero vietato cani, scoppia la polemica a Crescentino: “I problemi sono altri”.

Cimitero vietato cani

«Se il Comune ha deciso di vietare il cimitero ai cani perché altrimenti sporcano, allora ricordiamo al sindaco Fabrizio Greppi, al vicesindaco Carmine Speranza e a tutta la loro squadra che i servizi igienici vanno mantenuti puliti… per le persone».  Sono queste le parole che arrivano da un gruppo di cittadini dopo aver letto la questione legata alla scelta di vietare il cimitero ai cani.

A sporcare sono le persone

«Non siamo tutti padroni di cani e molti di noi non li hanno mai nemmeno portati con loro al campo santo – spiegano ancora – Ma, chi di noi l’ha fatto, se i cani fanno un bisogno lo raccogliamo e buttiamo nel cestino. Non ci sogneremo mai di lasciare un escremento del nostro cane né al cimitero né in un altro luogo. A differenza nostra, però, c’è chi lascia il proprio ricordino nel bagno pubblico del cimitero: forse andrebbe vietato anche a queste persone. A parte l’ironia di questi eventi (al cimitero spesso si sono trovati a terra anche rifiuti che certamente non sono prodotti dai nostri animali) chiediamo a grande voce a questa Amministrazione di risistemare la toilette e di provvedere ad una pulizia perché non è giusto che, a cimitero appena aperto, i servizi siano già sporchi. Questo vuol dire che nessuno è passato a pulire. E poi, sia nei servizi dedicati ai disabili che non non c’è la presenza di carta igienica. E al lavello non ci sono nemmeno le salviette per asciugarsi le mani o un asciugatore elettrico».

Leggi anche:  Albergatore fa ubriacare e molesta una cliente

Lo spreco dell’acqua

Questi cittadini poi sottolineano anche un altro spreco: «Più di una volta ci è capitato di trovare il rubinetto dell’acqua aperto. E’ uno spreco, seppur minimo di denaro pubblico».
Questo gruppo di cittadini si rivolge proprio agli Amministratori sollevando queste richieste. Vogliano solamente poter accedere ad un bagno pubblico senza incappare nel continuo sporco che regna o nell’intonaco che cade dalle pareti.