Clochard picchiato e dato alle fiamme ieri sera, sabato 28 ottobre a Torino.

Clochard picchiato e dato alle fiamme

Un altro brutto episodio che tocca nuovamente Torino. Questa volta l’episodio si è consumato in un giardino di Borgata Aurora. Un uomo è stato prima picchiato e poi dato alle fiamme. Ancora l’identità dell’uomo che ha cercato di uccidere il senza tetto non si conosce ma le forze dell’ordine stanno svolgendo tutte le indagini.

La vittima

La vittima è un clochard che nel quartiere tutti conoscono come George. Romeno di 60 anni, da circa sei mesi è in questo spazio verde della città che passa le sue notti. In quartiere è molto conosciuti e tutti, appena hanno saputo quello che era accaduto, hanno mostrato la loro solidarietà verso questo uomo che non ha mai dato fastidio a nessuno.

Il caso

Ieri sera, sabato 28 ottobre, un uomo che indossava una giacca invernale e in testa aveva il cappuccio, si è avvicinato al senzatetto. Prima l’ha picchiato poi l’ha cosparso, con una bottiglia, di alcool. E subito dopo gli ha dato fuoco. L’aggressore, dopo esser riuscito nel suo intento, è scappato in direzione di corso Novara. Chi ha visto la scena è subito corso verso George dandogli i primi soccorsi.

Leggi anche:  Prodotti tessili senza certificazione, sequestro e maxi multa LE FOTO

George è grave

Immediata la corsa in ospedale, al San Giovanni Bosco di Torino. Il 60enne ha riportato ustioni di secondo e terzo grado al volto. E’ in prognosi riservata e ora la borgata spera che le sue condizioni migliorino.

Le indagini

Le forze dell’ordine, proprio in questi minuti, hanno fermato un sospetto. Secondo le prime indiscrezioni, infatti, si tratterebbe di un altro senzatetto. Anche questo sembra frequenti il parco di Borgata Aurora, luogo cioè dove è avvenuta la strage ieri, sabato 28 ottobre. Al momento, però, non sia hanno particolari sul sospettato.