Il quarantenne di Giaveno, Daniele Ughetto Piampaschet, condannato nei giorni scorsi in via definitiva dalla Cassazione, si sta sottraendo all’arresto. I carabinieri lo cercano ovunque.

Caccia a Piampaschet, lo scrittore assassino

Per i magistrati, compresi quelli della Suprema Corte di Cassazione, è lui l’assassino di Anthonia Egbuna, la giovane prostituta nigeriana ritrovata senza vita nelle acque del Po a San Mauro Torinese. Era la fine di febbraio del 2012 quando il corpo senza vita della ragazza venne ripescato dalle acque della diga sanmaurese. Una morte che, inizialmente, apparse inspiegabile e che fece scattare da subito le indagini dei carabinieri del Comando Provinciale. Proprio all’interno del cimitero di San Mauro Torinese, infine, riposano le spoglie della giovane assassinata nel 2012

Condannato per omicidio, è in fuga

Daniele Ughetto Piampaschet, dall’estate di quello stesso anno finito al centro dell’attenzione degli investigatori dell’Arma dei Carabinieri, è stato condannato in via definitiva per l’omicidio della lucciola nigeriana. La sentenza pronunciata dalla Corte di Cassazione di Roma risale dai primi di luglio e ha fatto scattare l’ordine di carcerazione per l’uomo: 25 anni di carcere, a tanto ammonta la pena da scontare. Ma Piampaschet è in fuga. Si sta sottraendo all’arresto da giorni e nessuno sa che fine abbia fatto.

Il padre di Piampaschet “contro” i carabinieri

Proprio domenica, per l’ennesima volta, i carabinieri del Comando provinciale di Torino si sono presentati presso la casa dei genitori di Piampaschet. L’ipotesi è che, di tanto in tanto, l’uomo possa tornare presso l’abitazione di famiglia. Suo padre ha tentato il tutto per tutto per difendere il figlio e quando ha visto i carabinieri presentarsi alla porta di casa per chiedere notizie del quarantenne, si è scagliato contro i militari dell’Arma. Rimediando, quindi, una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale.

Leggi anche:  Morta dopo l'incidente stradale, oggi i funerali

Il romanzo “La Rosa e il Leone”

La chiave investigativa che ha portato gli investigatori e gli inquirenti a sostenere la colpevolezza di Piampaschet, sta tutta in quel manoscritto firmato proprio da Daniele Ughetto Piampaschet. Un romanzo in cui il protagonista si innamora di una giovane prostituta con la quale intrattiene una vera e propria relazione. Fino all’omicidio della ragazza commesso proprio dal protagonista della storia. Una circostanza che ha evidenziato una serie di “congruenze” che gli inquirenti hanno cercato di mettere sotto la luce dei riflettori per convincere i magistrati della colpevolezza del giovane.

Le ricerche continuano

I carabinieri del Comando provinciale di Torino, intanto, stanno continuando a cercare il giovane su tutto il territorio. L’irreperibilità e la sottrazione del giovane all’esecuzione della pena ordinata dalla Corte di Cassazione, infatti, ha messo in modo un’ulteriore macchina investigativa finalizzata al ritrovamento dell’uomo difeso dall’avvocato Stefano Tizzani che lo ha sempre assistito dal primo grado di giudizio.