Controlli straordinari sei arrestati e quattro espulsi.

Controlli straordinari

Prevenzione e repressione dei reati commessi sul territorio sono all’ordine del giorno dell’agenda della Polizia di Stato. Parole chiave dell’attività di controllo messa in campo dal Questore di Torino Messina. Per questo i servizi di pattugliamento del territorio finalizzati al contrasto di attività illegali continuano in tutto il capoluogo.

Il blitz a San Salvario e al Valentino

Nelle scorse ore, quindi, gli agenti del Commissariato Barriera Nizza, con l’aiuto del Reparto Prevenzione Crimine, del personale della Polizia Amministrativa e sociale e di un’unità cinofila, sono scesi in campo. Per un controllo “ad alto” impatto messo in atto nell’area di San Salvario e del Parco del Valentino.

Il fiuto del cane Akira

E’ stato il cane poliziotto Akira a far rinvenire e sequestrare 200 grammi di marijuana. Sono in tutto 40 le persone che sono state controllate nel corso dell’attività della Polizia. In 16, inoltre, sono stati accompagnati presso l’Ufficio immigrazione per i controlli di rito.

Leggi anche:  Rolex, monili e pietre preziose rubate, nascondono la refurtiva nella biancheria intima

Quattro espulsi e sei arrestati

Le verifiche dell’Ufficio immigrazione hanno dato i frutti sperati. Per quattro persone, provenienti dal Gambia, dalla Nigeria, dalla Moldavia e dalla Tunisia, sono infatti scattate le procedure relative all’espulsione dal territorio nazionale. Un cittadino marocchino di 48 anni, irregolare sul territorio nazionale, è stato invece tratto in arresto. E’ stato infatti sorpreso nell’atto di cedere dello stupefacente (una dose di cocaina) ad un cittadino italiano.

Chiuso un bar

Nel corso dell’attività i poliziotti hanno anche controllato il Bar Messico, luogo nel quale erano soliti stazionare alcuni pusher. Un vero e proprio potenziale ritrovo di spacciatori come hanno permesso di accertare i controlli degli agenti. Al titolare del bar, un cittadino cinese di 49 anni, è stata sospesa la licenza per 15 giorni. Il Questore di Torino, infatti, ha ritenuto che il bar nel corso del tempo sia diventato luogo di contatto per la consumazione di reati in materia di stupefacenti.