Continuano i controlli della Polizia sul territorio: due clandestini arrestati per spaccio di droga.

Due clandestini arrestati per spaccio di droga

Giovedì 23 agosto, gli agenti della Squadra Volante di Torino, in due distinti interventi hanno arrestato, in meno di due ore, due cittadini stranieri, irregolari sul Territorio Nazionale, per detenzione di sostanza stupefacente. Entrambi, nel tentativo di eludere il controllo di polizia, hanno ingerito ovuli di droga.

In tasca 300 euro e due cellulari

Nel tardo pomeriggio gli agenti avevano notato un ragazzo extracomunitario sostare con fare sospetto all’angolo di corso Principe Oddone e Via Ciriè. Alla vista dei poliziotti il giovane si è immediatamente messo in fuga, entrando all’interno di un bar di zona. Qui ha prelevato una bottiglietta di acqua dalla vetrinetta frigo ed ha iniziato a deglutire vistosamente qualcosa. Aveva molta fretta di nascondere le prove, ma, non ha fatto in tempo perché gli operatori lo hanno immediatamente raggiunto e fermato. All’interno del suo borsello, più di 300 euro in banconote accartocciate e 2 telefoni cellulari. Il giovane, con a carico diversi precedenti di polizia e svariati alias, è stato anche denunciato poiché non aveva rispettato l’Ordine del Questore di allontanarsi dal territorio dello Stato.

Leggi anche:  Borsellino ricordato nella villa confiscata del boss

Ha ingerito sei ovuli

Mentre, in serata, i poliziotti, durante un consueto servizio di pattugliamento, si erano insospettiti dopo aver visto un cittadino straniero muoversi appiedato in corso Massimo d’Azeglio. Era solo e alla vista della volante si è agitato ed ha accelerato il passo. Gli operatori lo hanno fermato pochi metri dopo, e questi ha immediatamente iniziato vistosamente a deglutire qualcosa.
I successivi accertamenti radiologici hanno consentito di confermare la presenza di 6 formazioni ovulari all’interno dello stomaco. Lì in zona, gli agenti hanno fermato due cittadini italiani che hanno ammesso essere clienti del giovane maliano. Quest’ultimo aveva a suo carico un divieto di dimora nel Comune di Torino e un Ordine del Questore di lasciare il Territorio Nazionale. Per questo motivo è stato denunciato .