Estorsione ed evasione fiscale, due arresti.

Estorsione ed evasione

Sono due gli arresti e per oltre 1 milione di euro i sequestri effettuati dalla Guardia di Finanza nell’ambito dell’operazione Acuo. L’attività trae origine da due verifiche fiscali eseguite dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Cuneo, nei confronti di due soggetti economici. Questi riconducibili alle persone fisiche B.M. – 48 anni, residente ad Alba – e R.L. – 49 anni, residente a Piobesi d’Alba.

Le indagini

I riscontri espletati hanno riguardato l’effettività e la congruità delle prestazioni fatturate. Secondo l’ipotesi degli investigatori, venivano inseriti, in contabilità, documenti fiscali artefatti. Documenti che, rispetto a quelli consegnati ai clienti, recavano, cioè, un minore imponibile e una conseguente imposta inferiore. Delineata l’ipotesi probatoria: l’utilizzo, nelle dichiarazioni fiscali, di documenti falsi al fine di occultare gli effettivi ricavi conseguiti.

Coinvolto anche uno dei dipendenti

Minacciato di licenziamento, uno dei dipendenti si è visto costretto ad intestarsi fittiziamente uno dei due soggetti economici, con lo scopo di sottrarre gli indagati da qualsiasi responsabilità penale e amministrativa.  Il Tribunale di Cuneo ha deciso per gli arresti domiciliari dei due indagati e per il sequestro preventivo di beni e disponibilità per oltre 1,2 milioni di euro.