Giovani vomitano e urinano in centro. E’ accaduto  lo scorso fine settimana a Settimo Torinese.

Vomitano e urinano

C’era  preoccupazione da parte degli organizzatori della Fera dij Coj e delle Forze dell’Ordine. Forse perché, memori di quanto accaduto negli anni scorsi, qualcuno temeva che gli allestimenti della “Fera Fredda” potessero essere oggetto delle ennesime devastazioni. E invece no, bisogna ammetterlo. Nessun branco si è preso gioco di stand e banchetti. Anche se, a onor del vero, non ha mancato di far sentire la propria presenza tra le vie del centro storico. Se da un lato, in minima parte, la situazione al parcheggio di piazza Donatori è migliorata, lo stesso non si poteva certo affermare per quanto riguarda piazza della Libertà.

Ubriachi e molesti

Ubriachi e molesti. Non c’era altro modo per definire i giovani, alcuni dei quali neanche settimesi, che venerdì sera sono stati protagonisti di uno spiacevole teatrino tra le vie del centro di Settimo e, in particolar modo, tra gli spazi di piazza della Libertà. C’è chi, per esempio, non capace di resistere ai propri bisogni fisiologici, ha ben pensato di abbassare la zip dei suoi pantaloni e “scaricare” il proprio peso corporeo tra le siepi del salotto buono della piazza del Comune.
Tanto che qualcuno ha ritenuto opportuno chiamare persino i carabinieri per chiedere un intervento che fosse il più immediato possibile. Così come vale per una ragazzina, accompagnata da un’amica, che colta «di sorpresa» dagli effetti di qualche bicchiere di troppo si è lasciata andare tra un noto bar e un altrettanto noto ristorante.

Leggi anche:  Un uomo si ustiona mentre accende la stufa

Lo sfogo dei residenti

La scorsa settimana le voci polemiche erano quelle dei cittadini che abitano nei pressi del parcheggio di piazza dei Donatori. Questa volta, però, sono quelli dell’area del centro a lamentarsi. «Non si può andare avanti in questo modo. I ragazzi, molti dei quali non sono neanche di Settimo, non possono devastare la tranquillità delle nostre serate. Speravamo che con il freddo la situazione potesse cambiare rispetto alla scorsa estate. E invece… Dove sono le forze dell’ordine? Perché non tutelano nache i nostri interessi. Non siamo cittadini di serie B».