Impiegato dell’Asl aggredito da due uomini incappucciati a Chivasso. L’uomo è residente a San Giusto Canavese e ha 50 anni.

Impiegato dell’Asl aggredito

La vittima sostiene la tesi dello «scambio di persona». La settimana scorsa, in via Corti a Chivasso, a poche decine di metri dalla caserma dei carabinieri e dalla sede della Croce Rossa, un uomo di San Giusto è stato brutalmente aggredito. Gli aggressori sono stati spietati nel colpire punti non vitali, ma «dolorosi». E questo non esclude che quella perpretata ad un  impiegato amministrativo cinquantenne possa anche essere stata una spedizione punitiva.

I malviventi erano incappucciati

Dopo aver superato l’incrocio con via Piave, dal lato di via Gerbido,  l’uomo è stato affiancato da una vettura su cui viaggiavano due uomini incappucciati. Dopo averlo «chiuso» contro alcune vetture in sosta, il passeggero sarebbe sceso in strada e senza nemmeno pronunciare una parola avrebbe iniziato a colpire il sangiustese con una spranga di ferro.
Colpi violentissimi al costato, ai gomiti, alle gambe e alle mani, una serie infinita di sprangate che non gli hanno mai nemmeno sfiorato il capo: volevano fargli male, e tanto, ma non ucciderlo.

Una prognosi di 30 giorni

Gli aggressori si sono quindi dati la fuga, senza rubargli il portafogli o il cellulare, circostanza che fa cadere l’ipotesi della rapina finita male. Le urla dell’impiegato hanno subito attirato l’attenzione dei residenti, che corsi in strada hanno poi allertato i soccorsi. Sul posto è subito intervenuta un’ambulanza della Croce Rossa di Chivasso, con a bordo l’équipe medica del 118, seguita da una pattuglia dei carabinieri coordinati dal Capitano Luca Giacolla. Una volta stabilizzato, l’impiegato è stato trasferito al pronto soccorso dell’ospedale di Chivasso, dove è stato ricoverato per tre giorni prima di essere dimesso con una prognosi di trenta giorni.

Leggi anche:  Furto in parrocchia, rubati cellulari al centro estivo

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!