Tante, nei giorni scorsi, le segnalazioni per alcune isole ecologiche letteralmente abbandonate

Isole ecologiche disastrate

Le segnalazioni dei cittadini neanche si contano. Sono in moltissimi, infatti, a lamentarsi per le condizioni di degrado di alcune isole ecologiche della città di Settimo. Rifiuti abbandonati fuori dai bidoni e, come succede sempre più spesso, soprattutto all’esterno delle aree recintate. Una situazione che fa storcere il naso, soprattutto nelle aree locali di maggiore passaggio di pedoni e auto, dal centro fino ai quartieri periferici.

Il caso del centro

A suscitare numerose proteste e segnalazioni da parte dei cittadini, in questo senso, ci ha pensato una delle isole ecologiche di un’area parcheggio del centro. Si tratta di quella di piazzetta Astegiano, a pochi metri di distanza dalle centralissime via Roma e via Italia. “Una situazione davvero degradante – hanno commentato fino a qualche ora fa i residenti -. A terra, all’interno e all’esterno dell’isola ecologica c’è qualsiasi tipo di rifiuto. E tutti abbandonati sotto le nostre case”.

Interviene il “ragno” di Seta Spa

Le tante segnalazioni avanzate dai cittadini sono state raccolte dalla società Seta, l’azienda che gestisce la raccolta rifiuti sul territorio. Nella mattinata di oggi, giovedì 20 settembre, quindi, è entrato in azione il “ragno” di Seta. Dai cancelli di via Verga, infatti, un addetto alla raccolta rifiuti con il “mezzo speciale”, ha effettuato una serie di raccolte “straordinarie” per cercare di restituire decoro e pulizia alle aree vittime di questo problema.

A chi spetta la pulizia delle isole ecologiche?

“L’area dove è costruita l’isola ecologica, anche se è suolo pubblico, viene concessa in comodato d’uso al condominio, la responsabilità della pulizia e manutenzione spetta al condominio stesso”, spiega Seta. “Quindi di responsabilità dell’amministratore dello stabile. Seta ha solo il compito di svuotare i cassonetti all’interno delle isole, non la pulizia delle stesse”. Lo stesso vale per la derattizzazione. “La derattizzazione non è uno dei nostri compiti, se su suolo privato spetta al condominio, invece su suolo pubblico spetta all’amministrazione”.

Leggi anche:  Dopo il licenziamento tenta di rapinare e picchia il direttore del locale, arrestato