Lucia Annibali, sei anni dopo il dramma che ha vissuto, ha raccontato la sua esperienza agli studenti.

Lucia Annibali ospite a Venaria

Sono trascorsi 6 anni da quando Lucia Annibali venne sfregiata al volto con l’acido da due uomini, inviati dal suo ex fidanzato Luca Varani e da allora l’avvocatessa, oggi deputata Pd, ha portato avanti con determinazione e una forza, anche inaspettata, la lotta contro la violenza. All’Annibali, ospite allo Sport Club Venaria, dove ha incontrato gli studenti del I e II istituto comprensivo di Venaria e l’istituto Arti e Mestieri di Venaria, ha portato un messaggio fortissimo.

L’evento di Divieto di Noia

L’evento organizzato dall’associazione Divieto di Noia con l’obiettivo di dare un contributo attraverso le loro attività, divulgando questi principi in un’ottica di prevenzione per cercare di far capire ai ragazzi che la storia di Lucia non è cosi lontana da loro,elaborando con loro il concetto di violenza, non solo come stereotipo “Lo scopo di questo incontro-commenta la consigliera del Pd Rossana Schillaci, – è quello di dare un messaggio fortissimo contro la violenza di genere, affinché ci sia una sensibilizzazione della popolazione sul modo possessivo di alcuni uomini”. A Lucia Annibali la parola “battaglia”, non piace anche se lei stessa è l’incarnazione della combattente e la sua presenza a questi incontri è lo stimolo per dare la forza ad altre donne. “Noi non siamo solo il dolore che proviamo e che gli altri ci hanno procurato”ed è proprio in questa frase che si trova la voglia di futuro dell’avvocatessa di Urbino pronunciata di fronte a una platea di giovani per portare la sua testimonianza contro la violenza di genere.

Leggi anche:  Incidente mortale, vittima un motociclista di Settimo

Un incoraggiamento per tutte le donne

Raccontando la sua sofferenza e di come ha saputo trasformare la tragedia in qualcosa di positivo per lei e per gli altri, facendosi portavoce delle lotta contro la violenza sulle donne: “Il mio augurio è quello di essere sempre vigili- ha affermato ai ragazzi l ’Annibali-costruite il vostro futuro cercando di essere soggetti attivi e importanti per questa società. Alle ragazze auguro di essere libere, di essere voi stesse e di non lasciarvi convincere che c’è qualcosa che non va in voi. Il tempo trascorso lasciando che qualcuno ci ferisca non ritorna. Ho imparato che esiste un solo tipo di amore, quello buono, che ti rende felice e che ti sprona a migliorare, che è indipendenza e libertà”.