Maurizio Fenaroli trovato morto dopo una caduta.

Maurizio Fenaroli trovato morto

Nel pomeriggio di ieri, sabato 30 marzo, è stato ritrovato purtroppo senza vita Maurizio Fenaroli, il runner scomparso da una settimana. Mancava da casa da sabato, l’allarme era stato nella giornata di venerdì, e sulle sue tracce si sono subito mossi gli uomini del Soccorso alpino e i Vigili del fuoco.

La svolta grazie al GPS

Grazie alla triangolazione del segnale del suo cellulare è stato possibile restringere l’area di ricerca. Come scrivono i colleghi di Aostasera, il suo corpo è stato trovato tra la Cima del Bo ed il Monte Marzo, a 2250 metri (al confine tra Piemonte e Valle d’Aosta) probabilmente dopo una caduta di 250 metri durante un allenamento. Diverse le squadre intervenute: Soccorso alpino e Speleologico Piemontese delle delegazioni Biellese e Valsesia, Vigili del Fuoco con l’elicottero Drago di Torino che ha effettuato il recupero, Soccorso Alpino della Guardia di Finanza delle caserme di Alagna Valsesia e Domodossola, Croce Rossa Italiana e Protezione civile.

Leggi anche:  A Montalenghe lavoratori sfruttati in un laboratorio lager

Sportivo molto conosciuto

Fenaroli era un assiduo frequentatore dei sentieri valdostani: aveva vinto le prime due edizioni del Trail Sentieri e Luoghi della Memoria di Saint-Vincent, le edizioni 2014 e 2015 dell’Electric Trail di Pont-Saint-Martin e vantava tre partecipazioni al Cervino X-Trail, con due podi (2° nel Vertical negativo 2018 e 3° nel 25 km del 2014) ed un 9° posto nel Vertical dell’anno scorso.