No Tav, il corteo di protesta verso il cantiere. Nonostante il maltempo, i manifestanti sono partiti pochi minuti fa da Venaus, in direzione Chiomonte.

No Tav

A pochi giorni dal “Sì” del premier Conte sulla linea ferroviaria Torino-Lione, il corteo in opposizione alla realizzazione dell’infrastruttura. Nella giornata di oggi, sabato 27 luglio, in centinaia si sono dati appuntamento a Venaus dove, in questi giorni, è anche organizzato il festival Alta Felicità.

Il corteo verso il cantiere

Hanno atteso che si calmasse la pioggia prima di partire, i manifestanti ritrovatosi in Val Susa. Partiti da Venaus, sono diretti a Chiomonte, dove sorge il cantiere della linea ferroviaria. L’obiettivo sarà proprio “violare la zona rossa”, definita dalla Prefettura vietandone l’accesso.

Si temono scontri

Il corteo si definisce “pacifico e determinato”. Centinaia di persone sono attualmente in marcia e sono tante le forze dell’ordine allertate per impedire scontri e tensione. Ma i manifestanti parlano chiaro, vogliono raggiungere il loro obiettivo.

Leggi anche:  Tre ultrasessantenni assaltano Postamat, arrestati

+++ NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO +++