Omicidio a Natale nel lecchese. Un uomo ha ucciso la madre e poi ha tentato di togliersi la vita.

Omicidio a Natale

Ha ucciso la madre a martellate e poi ha tentato di togliersi la vita. La tragica notizia arriva da Robbiate, nel Lecchese, e la riportano i nostri colleghi de Il Giornale di Lecco che si stanno occupando del grave fatto di cronaca. Il dramma che si è consumato in un alloggio al secondo piano di via Enrico Fermi è stato scoperto nella mattinata di oggi, 25 dicembre.

Il dramma

E’ stata un’infermiera del servizio di cure domiciliari a far scattare l’allarme. Questa mattina si è recata presso l’abitazione della donna – di 89 anni – che assisteva e che era malata da tempo. Non ricevendo risposta al citofono ha immediatamente fatto scattare l’allarme chiedendo l’intervento dei Vigili del Fuoco che hanno aperto la porta dell’abitazione. All’interno, ormai priva di vita, l’anziana donna che secondo le prime ricostruzioni è stata uccisa martellate. Sotto un tavolo i Vigili del Fuoco e i carabinieri hanno trovato anche il corpo del figlio, un uomo di 60 anni. Secondo quanto riportato dai cronisti locali il suo corpo aveva una posizione anomala e riportava alcune ferite alla testa.

Leggi anche:  Due trentenni morti mentre fanno jogging in pochi giorni

Il tentato suicidio

Dopo aver ucciso la madre l’uomo, un 60enne che ora si trova ricoverato all’ospedale di Merate Brianza, avrebbe cercato di togliersi la vita colpendosi – anche lui al capo – con l’arma del delitto. Le sue condizioni, secondo quanto si apprende, sarebbero critiche. Sarà soltanto lui a poter chiarire i contorni della vicenda. Secondo le prime ricostruzioni l’uomo avrebbe più volte manifestato forti preoccupazioni per le condizioni di salute dell’anziana madre. Sul caso indagano i carabinieri della Compagnia di Merate.