Omicidio a Settimo ieri, sabato 18 agosto. Un uomo, Domenico Gatti è stato ucciso a colpi di pistola nella sua abitazione di via Fantina 47.

Omicidio a Settimo

La serenità di una sera d’estate è stata spezzata, ieri sera, sabato 18 agosto, da un omicidio che si è consumato in un appartamento di via Fantina 47, nel quartiere Borgo Nuovo di Settimo.

La vittima

La vittima dell’omicidio è dunque Domenico Gatti, classe 1959, poliziotto in pensione da pochi mesi, residente nel palazzo scosso dalla tragedia. È stato, infatti, ucciso nella tarda di ieri.

ECCO CHI E’ LA VITTIMA

Ucciso a colpi di pistola

Domenico Gatti, secondo quanto si apprende, è stato colpito da alcuni colpi di pistola sparati intorno alle 23:30. Ignota, al momento, la dinamica del dramma.

RITROVATA L’ARMA DEL DELITTO: E’ RUBATA

Un fermato

I carabinieri di Settimo e di Chivasso dunque intervenuti sul posto hanno fermato una persona di cui però, al momento, non si conoscono le generalità. È stato trattenuto in caserma e sarà sottoposto a interrogatorio.

Leggi anche:  Esce per andare in stazione ma scompare nel nulla

L’UOMO UCCISO DAL FIGLIO DELLA COMPAGNA

IL NOME DELL’OMICIDA

Inutili i soccorsi

L’intervento dei sanitari del 118 e dei carabinieri della Tenenza di Settimo è stato tempestivo, ma purtroppo per Domenico Gatti non c’era più nulla da fare. Il personale del 118, infatti, non ha potuto far altro che constatare il decesso dopo i tentativi di rianimarlo.

Le indagini

Dunque sul posto un lungo via vai di carabinieri fino a notte fonda, insieme alla dottoressa Chiara Molinari della Procura della Repubblica di Ivrea. All’interno, infatti, dell’abitazione sono intervenuti anche gli specialisti dei rilievi scientifici.

Sconvolti i residenti

In via Fantina erano veramente in molti a conoscere Domenico Gatti, poliziotto in pensione da pochi mesi. I residenti infatti sono rimasti sconvolti per la grave tragedia che si è verificata nella tarda serata di ieri. “Non possiamo credere – si limitano a dire – che sia successo un dramma del genere”.

Vittorio Savoia