Omicidio dei Murazzi: proseguono le indagini dopo la confessione di Said Mechaquat. L’uomo infatti domenica sera si è costituito dicendo di essere il killer di Stefano Leo, ma il movente non convince. Il caso quindi non è affatto chiuso.

Omicidio dei Murazzi

Proseguono le indagini sull’omicidio dei Murazzi. Domenica scorsa  Said Mechaquat ha confessato di aver accoltellato mortalmente  Stefano Leo.

I dubbi sul movente

Udita la confessione gli inquirenti l’hanno considerata veritiera. Infatti, conteneva dei particolari che solo le forze dell’ordine e l’assassino conoscevano. Rimangono però dei dubbi sul movente del delitto. Said Mechaquat ha infatti affermato di aver ucciso il giovane biellese perchè era felice, ma le indagini proseguono per scoprire se dietro a quest’affermazione ci sia invece altro.

Potrebbe trattarsi anche di uno scambio di persona

Tra le ipotesi al vaglio degli investigatori sul movente del delitto emerge anche quello dello scambio di persona. Tra le indiscrezioni è emerso anche che l’omicida possa aver scambiato Stefano Leo per il fidanzato della sua ex. Quindi, si potrebbe parlare di un delitto passionale. Se invece si dovesse ritenere attendibile la motivazione confessata dall’omicida allora, si rientrerebbe in un caso da perizia psichiatrica, il che potrebbe anche comportare a Said una significativa riduzione di pena anche perchè verrebbe meno la premeditazione.

Leggi anche:  Snowboarder muore cadendo dalle rocce

Aggiornamento: Il gip Silvia Carosio ha convalidato il fermo nel primo pomeriggio. Said resta in carcere.

LEGGI ANCHE:

Omicidio dei Murazzi: 600 lettere per trovare l’assassino

Omicidio Murazzi, fermato un ragazzo di origine marocchina