Operazione tacco 12 era un’indagine che aveva preso il via a marzo 2017 da parte della Squadra Mobile della Questura di Torino. Si tratta infatti di un’indagine per presunte attività di sfruttamento della prostituzione anche minorile.

Operazione tacco 12

L’operazione tacco 12 aveva preso il via per presunte attività di sfruttamento della prostituzione.   In questo “giro” sarebbero state coinvolte anche delle ragazze minorenni.

I fatti

Venivano assunte come ragazze immagine in alcuni locali notturni venivano quindi avviate alla prostituzione. Si tratta di un giro di giovani, alcune anche minorenni che è stato fermato  dalla Squadra Mobile della Questura di Torino. In manette sono finite quattro persone di cui una ai domiciliari. L’accusa è di sfruttamento della prostituzione, anche minorile.

Gli arrestati

Le persone arrestate sono: Felice Emmola, Angela Tufariello ed Enrico Marchesi. Invece a Franco Russo sono stati concessi gli arresti domiciliari. Si tratta di persone già note alle forze dell’ordine. Loro gestivano dei locali e guadagnavano sulle prestazioni delle giovanissime ragazze.

Altri accusati

Ci sarebbero inoltre altre sei persone accusate per aver pagato le minorenni per avere rapporti e di favoreggiamento della prostituzione. L’inchiesta coordinata  dal pm Dionigi Tibone, era scattata un anno fa quando uno dei clienti dei club. Gli investigatori hanno raccolto le testimonianze di 11 ragazze, alcune minorenni. Le ragazze percepivano dai 40 euro, 130 euro. Parte della somma venivano trattenute dal gestore del locale. Inoltre alcune di queste ragazze grazie all’interessamento di alcuni soggetti denunciati nel medesimo contesto d’indagine, avevano realizzato appuntamenti anche al di fuori dei locali e che per tali prestazioni “speciali” erano state pagate con somme in denaro variabili tra i 150 ed i 1.000 euro ad incontro.