E’ un po’ che non tornava d’attualità il Ponte Morandi Genova. Ce ne siamo tutti “dimenticati”, col tempo, che ha inevitabilmente ampliato la distanza, soprattutto emotiva, da quella immane tragedia verificatasi il 14 agosto del 2018. Ma ora il viadotto Polcevera è di nuovo salito agli onori delle cronache perché, a proposito della sua ricostruzione, è successo quello che tutti temevano e che ci auguravamo non sarebbe mai dovuto succedere: l’ombra della Camorra si allunga sulla demolizione.

L’ombra della Camorra sul ponte Morandi

Gli amministratori della ‘Tecnodem srl’ di Napoli, impresa impegnata nella ricostruzione del ponte Morandi,  sono stati, infatti, arrestati dalla Dia nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla Dda di Genova. L’ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal Giudice per le indagini preliminari nei confronti dell’amministratore di fatto e di una donna, considerata prestanome.

Demolizione e ricostruzione a genova

Come racconta il nostro quotidiano online ligure laRiviera.it, in manette sono finiti Consiglia Marigliano, amministratrice e socio unico della Tecnodem e Ferdinando Varlese, pregiudicato di 65 anni di Napoli domiciliato a Rapallo. La società era già stata esclusa dai lavori lo scorso maggio.  L’esecuzione delle misure cautelari sta avvenendo d’intesa con la Dda di Napoli.

Leggi anche:  Incendio minaccia un casolare in campagna LE FOTO

LEGGI ANCHE:

Da Torino per rubare nelle case sfollate per la tragedia di Genova

Crollo del Ponte di Genova, tra le vittime una famiglia piemontese CHI SONO

Ponte crollato di Genova, famiglia piemontese ancora dispersa

Ponte Morandi, un premio ai vigili di Torino per i soccorsi

Crollo Ponte Morandi Genova: le storie spezzate e il punto sui feriti FOTO

Crollato ponte sull’A10 a Genova: numerose vittime FOTO e VIDEO