Il nostro sopralluogo sul Ponte tra Settimo e Castiglione a poche ore dalla manifestazione dei sindaci

E’ bastato poco a frenare l’entusiasmo dei cittadini che ieri, mercoledì 27 settembre, esultavano per i movimenti delle ruspe intorno al Ponte sul Po che collega Settimo alla collina. 
Una ripresa dei lavori che ha coinciso con l’annunciata manifestazione dei sindaci del territorio che si sono dati appuntamento di fronte al cantiere per protestare contro le lungaggini. Una manifestazione nota, tant’è che all’appuntamento si sono presentati anche alcuni cittadini non residenti a Settimo. 
Il giorno dopo, però, tutto è cambiato. Qualche movimento nella mattinata di oggi, giovedì 28, effettivamente c’è stato. Lo scavatore era sulla sponda settimese ma, nel corso della giornata non è mai entrato in funzione. E’ stato invece posizionato un guard rail a impedire l’accesso sulla sponda del Po e la recinzione da cantiere è stata sollevata e ancorata. Diversamente, appunto, da quanto accadeva ieri: chiunque poteva tranquillamente spingersi fino alla riva del fiume. 

Abbiamo ripreso, esattamente 24 ore dopo la manifestazione dei sindaci sul ponte, lo stato dell’avanzamento dei lavori. E abbiamo cercato di documentare tutto attraverso una diretta sulla nostra pagina “>Facebook

Leggi anche:  Rapinavano le tabaccherie, arrestati

Il “reportage”, però. continua. Se alle 14.40 circa, orario della diretta, lo scavatore era ancora parcheggiato alle porte del cantiere, pochi istanti dopo è stato nuovamente rimosso.