Presa la Mantide di Torino: narcotizzava gli amanti per derubarli. Due casi sono stati accertati, ma la donna potrebbe essere autrice di altri raggiri nella provincia di Torino.

La Mantide di Torino

Narcotizzava l’amante di turno e poi lo rapinava. Un modus operandi che si ripeteva sempre uguale e che ha portato all’arresto, nei giorni scorsi, di Laura R., 30 anni, commerciante con precedenti di polizia. 

I fatti

La donna aveva rubato, a Moncalieri, la sera del 16 febbraio, la tessera bancomat e la carta di credito, a un uomo, invitato per un aperitivo nel suo negozio, dopo avergli  somministrato una massiccia dose di ansiolitici.  Laura ha versato nelle bevande della vittima un ansiolitico ipnotico e miorilassante, in misura circa 24 volte superiore alla dose consigliata. Narcotizzata la vittima, ha quindi approfittato del momento per rubargli dal portafogli contanti, bancomat e carte di credito. L’uomo, incapace di intendere e di volere, l’ha perfino accompagnata a prelevare. In una sera, la donna ha prelevato oltre 2.800 euro tra sportelli bancomat e vari acquisti.

Leggi anche:  Emergenza smog, fino a giovedì 13 in vigore solo le limitazioni permanenti

L’indagine

L’uomo si è accorto del raggiro soltanto dopo aver riacquistato la lucidità mentale. Ha presentato denunciata e sono iniziate le indagini dei carabinieri della Stazione di Pianezza. La perquisizione a casa della donna ha permesso di sequestrare diverse  confezioni del farmaco utilizzato per realizzare i suoi spietati obiettivi. Laura è quindi stata arrestata a Grugliasco. A suo carico, già alcuni precedenti per rapina aggravata e indebito utilizzo di carte bancomat, tra cui un arresto nell’aprile 2017 per lo stesso reato. La donna è sospettata di aver raggirato diversi uomini in provincia di Torino.