Pugno in faccia al militare intervenuto nella lite. In una scazzottata a Brandizzo, nata per futili motivi, intervengono gli uomini dell’Arma dei Carabinieri: uno dei militari viene colpito al volto da un pugno.

Una lite nata per futili motivi

Cinque giorni di prognosi per un pugno ricevuto in pieno volto da un carabiniere in forza alla tenenza di Settimo. Tutto dopo una discussione scaturita da futili motivi. Secondo quanto si apprende da un botta e risposta dovuto a qualche messaggio di troppo inviato ad alcune ragazze di Brandizzo. E’ questo il motivo che, intorno alle 22 della serata dello scorso mercoledì 14 agosto, ha fatto scaturire una scazzottata a Brandizzo.

L’intervento dei carabinieri

A intervenire sono stati i carabinieri della Tenenza di Settimo, arrivati sul posto per sedare la rissa su richiesta di alcuni testimoni e residenti che – spaventati per le urla e il frastuono della discussione – hanno allertato le forze dell’ordine. Tempestivo è stato il loro arrivo in loco per placare gli individui coinvolti e procedere alle identificazioni.

Leggi anche:  Cade dal secondo piano di casa, tragedia sfiorata a Settimo FOTO

Pugno in faccia al militare intervenuto nella lite

Una volta arrivata sul posto la pattuglia in forza alla Tenenza di Settimo, uno dei protagonisti del battibecco ha deciso di avventarsi contro gli uomini dell’Arma dei Carabinieri, sferrando un pugno ben assestato e indirizzato al volto di uno dei militari.
Il protagonista dell’episodio è stato poi immediatamente immobilizzato e fermato dalla pattuglia intervenuta sul posto. Per lui è scattata una denuncia all’autorità giudiziaria per resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!