Ragazza rapinata e minacciata con coltello alla gola.

Ragazza rapinata

Si chiama Morena Cursio la ragazza di 24 anni residente a Settimo che ha denunciato di aver subito una violenta rapina al Borgo Nuovo. “E’ successo mercoledì 17 – racconta Morena -, intorno alle 14. Mi trovavo in via Fiume e stavo tornando a casa”. Quando all’improvviso, “da dietro un angolo mi sono saltati addosso in tre. Uno mi ha messo la mano sulla bocca impedendomi di gridare”. “Volevano la borsa, ma quando ho opposto resistenza i tre sono diventati più violenti: uno mi ha puntato un coltello alla gola”.

La denuncia

E’ stata proprio la giovane settimese, poche ore dopo i fatti, a raccontare quanto accaduto con un video pubblicato sulla sua pagina Facebook. Durante la “diretta” ha mostrato anche i segni dell’aggressione che le sono rimasti sul volto. Centinaia di commenti degli amici e dei settimesi che l’hanno incoraggiata a rivolgersi ai carabinieri per denunciare quanto accaduto. E ieri, venerdì 19, è arrivata la denuncia alle forze dell’ordine. Sul caso stanno indagando i carabinieri della Tenenza di via Regio Parco che hanno ascoltato la giovane. Con lei hanno fatto anche un sopralluogo in via Fiume per ricostruire quanto successo al Borgo Nuovo.

Leggi anche:  Rissa sfiorata, tre giovani denunciati

“Erano tre stranieri”

“Due avevano il volto coperto”, ha aggiunto Morena al suo racconto, “impossibile riconoscerli. Di uno, soltanto, ho visto che aveva i denti marci”. “Erano sicuramente tre stranieri, mi sono sembrati maghrebini, ma per me sarebbe impossibile riconoscerli”. I tre rapinatori stranieri, una volta conquistato il bottino di circa 400 euro custoditi nella borsa, hanno di nuovo strattonato e spinto a terra la ragazza prima di darsi alla fuga.

Le reazioni

Violente le reazioni degli utenti dei social che chiedono al sindaco un impegno concreto per migliorare le condizioni di sicurezza del territorio. E’ stato addirittura aperto un nuovo gruppo Facebook di utenti settimesi per manifestare contro l’Amministrazione per la scarsa percezione di sicurezza alla luce di una serie di episodi, come furti e auto ritrovate con i finestrini spaccati e, ovviamente, dopo il preoccupante episodio denunciato dalla giovane settimese.