Polemica per la “soppressione” della fermata alla stazione di Chivasso

Attenzione pendolari. Parte ufficialmente da domani la tanto annunciata rivoluzione del trasporto ferroviario che riguarda i collegamenti con Milano. Dopo l’addio ai treni Frecciabianca sulla Torino-Milano dalla mattinata di lunedì 30 gennaio debuttano i nuovi treni regionali veloci, i cosiddetti Fast, attivati da Trenitalia su richiesta dell’Agenzia per la mobilità piemontese e finanziati dalla Regione Piemonte. Come annunciato – precisa l’assessore regionale ai Trasporti, Francesco Balocco – questa è la risposta della Regione e dell’Amp alla decisione di Trenitalia di sopprimere i Frecciabianca, privando Torino, ma soprattutto Vercelli e Novara, città che non possono usufruire dell’alta capacità, di un collegamento veloce con Milano alternativo ai Frecciarossa, anche alla luce delle polemiche scaturite in seguito agli aumenti degli abbonamenti di questi ultimi”. Ma questi treni non fermeranno a Chivasso, a differenza di quanto si aspettavano centinaia di pendolari del nostro territorio che quotidianamente affollano i treni diretti a Milano. 
Non è servito l’appello dell’associazione Identità Comune che del resto aveva sottolineato come la Regione avesse solo aperto uno spiraglio ad un ripensamento ma che questo non significava affatto la certezza che venisse concessa la fermata a Chivasso. Perciò aveva rivolto un appello ai sindaci del Chivassese e al vicesindaco della Città metropolitana, Marco Marocco. Il sindaco Libero Ciuffreda aveva dichiarato ad un quotidiano online che da gennaio la stazione di Chivasso si sarebbe fregiata della fermata dei nuovi treni Fast, ma questo non avviene e le tante persone che utilizzano la stazione di Chivasso per raggiungere Milano dovranno continuare ad accontentarsi dei treni regionali attuali che di veloce hanno solo il nome perché ormai impiegano quasi un’ora e mezza per arrivare a Milano. In realtà un nuovo treno da Milano che fermerà a Chivasso c’è ma, se è questa la risposta alle richieste dal Chivassese, suona davvero come una beffa.

Leggi anche:  Operazione Cristallo, sequestrate oltre mille slot-machine manomesse

I treni circoleranno dal lunedì al venerdì nei giorni feriali ed avranno i seguenti orari:
RV 2101 Torino PN 5.35, Torino PS 5.46, Vercelli 6.26, Novara 6.41, Rho Fiera 7.07, Milano Porta Garibaldi 7,20;
RV 2105 Torino PN 7.10, Torino PS 7.20, Vercelli 7.57, Novara 8.13, Rho Fiera 8.39, Milano Porta Garibaldi 8,53;
RV 2100 Milano Porta Garibaldi 10.10, Rho Fiera 10.20, Magenta 10.36, Novara 10.52, Vercelli 11.05, Santhià 11.17, Chivasso 11.43, Torino PS 12.00, Torino PN 12.10;
RV 2102 Milano Porta Garibaldi 17.10, Rho Fiera 17.22, Novara 17.48, Vercelli 18.00, Torino PS 18.42, Torino PN 18.50.

Una terza coppia sarà attivata dal 3 aprile ed avrà indicativamente partenza da Torino Porta Nuova alle 6,10 e relativo ritorno da Milano Porta Garibaldi alle 18,11.