E’ stato purtroppo inutile ogni tentativo di salvare la vita della donna, classe 1953, coinvolta nel gravissimo incidente avvenuto nella mattinata di martedì 23 luglio

E’ morta la conducente coinvolta nello schianto di San Mauro

E’ morta poco dopo il suo arrivo al pronto soccorso dell’ospedale Giovanni Bosco di Torino. Non ce l’ha fatta la donna, classe 1953, rimasta coinvolta nel gravissimo incidente stradale avvenuto nella mattinata di oggi – martedì 23 luglio – in via Casale a San Mauro Torinese.
L’incidente tra la sua vettura, una Toyota Yaris e una Bmw Rs è avvenuto intorno intorno alle 8,30 della mattina e poco prima del civico 330 della strada della zona Sambuy del comune della collina. Sul posto, per gestire l’emergenza, sono intervenute tre squadre dei vigili del fuoco, i soccorritori della Croce Rossa e della Croce Verde, gli agenti della Polizia locale sanmaurese e i carabinieri.

La dinamica

Secondo le prime ricostruzioni della dinamica, ancora al vaglio da parte degli agenti della Polizia Municipale, i due veicoli procedevano entrambi nella stessa direzione, verso Torino. Ad un certo punto, per cause ancora da accertare, la motocicletta avrebbe impattato contro la portiera sinistra dell’autovettura. La conducente dell’auto, dopo aver perso il controllo, ha terminato la corsa sulla carreggiata opposta, a pochi centimetri da un’abitazione.

I soccorsi

Sono stati immediati e disperati. Le condizioni della donna alla guida dell’auto hanno da subito destato la forte preoccupazione dei sanitari. Dopo essere stata estratta dall’abitacolo grazie all’intervento di tre squadre dei Vigili del Fuoco intervenute da Torino Stura e dal distaccamento volontari di Volpiano, il medico del 118 ha tentato lungamente di rianimarla. Nonostante la gravità del quadro clinico della donna, il personale medico è riuscito a rianimarla e a trasferirla d’urgenza, in codice rosso, all’ospedale Giovanni Bosco di Torino.

Inutile il tentativo di salvarle la vita

Nonostante gli sforzi ripetuti a lungo da parte del personale sanitario, la donna non è riuscita a sopravvivere ai gravi traumi riportati nello schianto avvenuto questa. La sua identità, al momento, non è ancora stata resa nota.

Leggi anche:  Ragazzo morto alla stazione, la vittima non ha ancora un nome

Strada chiusa

Via Casale è rimasta chiusa al traffico a lungo. Non soltanto per permettere agli operatori di prestare i soccorsi e per i rilievi del caso utili a ricostruire la dinamica. Ma anche per mettere in sicurezza la carreggiata dai detriti e dai veicoli coinvolti nell’incidente. Il traffico, quindi, ha subito pesanti rallentamenti per l’intera mattinata.

Meno grave il motociclista

Sarebbero decisamente meno gravi le condizioni del motociclista coinvolto nel drammatico schianto di questa mattina. E’ stato anche lui soccorso dal personale sanitario, ma le sue condizioni non desterebbero preoccupazioni.