L’operazione è stata condotta dai carabinieri del Comando provinciale di Torino e dalle locali stazioni competenti per territorio.

Scoperte quattro piantagioni illegali

I carabinieri del Comando Provinciale di Torino e, in particolare, quelli di alcune delle locali stazioni dell’Arma distribuite sul territorio della provincia di Torino hanno effettuato, nei giorni scorsi, una serie di servizi mirati al contrasto della diffusione di stupefacenti sul territorio. Un’operazione che ha portato gli investigatori a perquisire alcuni terreni agricoli che i rispettivi conduttori avevano trasformato in vere e proprie piantagioni, a chilometro zero, di cannabis e marijuana.

Da orto di pomodori a piantagione di marijuana

A Villar Dora, in località Borgata Torre del Colle, i carabinieri di Almese, supportati dai colleghi forestali di Almese, hanno arrestato per coltivazione di stupefacenti Aldo A., 58 anni, residente a Villar Dora. L’uomo aveva trasformato un orto di pomodori in una piantagione di marijuana con piante dell’altezza di di circa 2 metri e 20 centimetri. Tutto all’interno di un terreno di sua proprietà. La successiva perquisizione domiciliare ha inoltre permesso di sequestrare altro stupefacente. L’uomo è stato sottoposto ai domiciliari.

Carabinieri travestiti da runner

I carabinieri si sono travestiti da runner e da ciclisti per scoprire che quell’operaio con il pollice verde altro non coltivava che marijuana. I militari hanno arrestato un italiano di 34 anni per coltivazione e produzione di droga. Il fatto si è verificato a Lanzo, dove i militari hanno sorpreso l’uomo mentre irrigava un terreno agricolo attiguo alla propria abitazione, sul quale gli uomini dell’Arma hanno scoperto una piantagione di marijuana composta da 387 piante di altezza tra i cm 20 e 3 metri. La perquisizione domiciliare ha inoltre permesso di sequestrare altri 200 di marijuana, già essiccata e pronta per lo spaccio ed altri 30 di hashish. L’uomo è stato collocato ai domiciliari.

A Rivoli

A luglio, tre persone di Rivoli, tra 20 e 33 anni, sono state arrestate dai carabinieri per detenzione di droga ai fini di spaccio. Durante la perquisizione, i carabinieri hanno sequestrato 36 piantine di marijuana, centinaia di semi della medesima sostanza. 1,4 kg di marijuana essiccata e pronta per essere venduta, un bilancino di precisione, una serra di cannabis in casa con un impianto di aerazione e irrigazione.

Leggi anche:  Controlli stradali contro i furti

A Stupingi

Nell’ambito dei servizio preventivi per la manifestazione “Stupinigi Sonic Park 2019”, i carabinieri di Nichelino hanno scoperto ( 6 luglio), all’interno dell’area boschiva del Parco Naturale di Stupinigi una coltivazione di marijuana con una superficie di circa 700 metri quadri, all’interno della quale erano presenti 256 vasetti appena germogliati, 60 vasi grandi pronti per il trapianto a terra e 600 piante adulte in fiore.