Sei furti in casa in sole 72 ore. E’ questo il triste record registrato la scorsa settimana in Collina.

Sei furti

Sei furti nelle ultime 72 ore. Un dato inquietante quello registrato nell’arco collinare nel weekend, ma che aumenta se si estende il periodo di riferimento.
Da San Mauro a San Raffaele, nessun territorio sembra essere tralasciato da un’ondata di microcriminalità che sta mettendo a ferro e fuoco la collina, lasciando dietro sé strascichi di apprensione e preoccupazione tra le vittime e i vicini di casa. Gli orari in cui avvengono maggiormente le incursioni sono nella tarda mattinata e nel pomeriggio, fasce orarie in cui solitamente le abitazioni sono vuote.

I fatti

Nel tardo pomeriggio di sabato scorso i malviventi hanno messo a segno due colpi a San Mauro, in via XXV Aprile. Si sono introdotti negli alloggi passando dai balconi di un condominio, hanno spaccato il vetro della porta finestra e sono entrati negli appartamenti. Solo in un caso sono stati disturbati dall’arrivo improvviso dei proprietari di casa. Sentendo la porta aprirsi si sono dati alla fuga facendo perdere le proprie tracce. Immediata la denuncia ai Carabinieri.
Martedì, invece, è stato il comune di San Raffaele a entrare nel mirino dei ladri, con un’abitazione passata al setaccio. Territorio su cui, comunque, nel weekend sono tornati a far visita con un altro furto messo a segno.
Anche Gassino non è passato indenne. Qui un colpo andato a buon fine, seppur con un bottino piuttosto esiguo.
E’ Castiglione, tuttavia, il territorio che continua a fare i conti più aspri con questo fenomeno. Altri quattro colpi, alcuni andati a buon fine, altri invece rimasti tentativi andati a male. Una situazione su cui, per intervenire, occorre la massima collaborazione tra Forze dell’Ordine e cittadini pronti a segnalare immediatamente movimenti sospetti o situazioni ambigue.

Leggi anche:  Abiti falsi pronti per i mercati, scovato laboratorio FOTO e VIDEO

Ladri messi in fuga

In un caso, sono stati i vicini di casa a mettere in fuga i ladri, sorpresi sul balcone di un alloggio e intenti a rompere il vetro per introdursi nell’abitazione. Tra le vittime delle scorse settimane, c’è chi ancora vive con la paura di ritrovarsi estranei in casa. E’ la signora Mina che racconta come da quella notte in cui i malviventi si sono introdotti nella sua camera da letto mentre dormiva, la sua vita è cambiata: «Non riesco più a dormire la notte – confida – e ho ancora più paura perché il nostro cancello è rotto ormai da giorni senza che l’amministratore di condominio intervenga per ripristinare il guasto».

Le Forze dell’Ordine

Le Forze dell’Ordine raccomandano, inoltre, di dotarsi di impianti di antifurti e allarmi, collegandoli direttamente con la caserma dei Carabinieri al fine di garantire una segnalazione immediata e consentire un intervento tempestivo.