Erano in vendita sugli scaffali di un grande magazzino gli oltre 500.000 articoli, potenzialmente pericolosi, sequestrati, ieri, dalla Guardia di Finanza di Torino in un market del capoluogo Piemontese.

Sequestrati oltre 500.000 articoli potenzialmente pericolosi

I Baschi Verdi del Gruppo Pronto Impiego hanno rinvenuto l’ingente quantitativo di materiale in uno store, nella zona di Parco Dora nei pressi di via Livorno, gestito da un imprenditore quarantenne di origini cinesi. Si tratta di articoli potenzialmente pericolosi, una merce con un valore di oltre un milione di euro.

Migliaia di giocattoli pericolosi destinati ai bambini

False certificazioni di conformità, mendaci indicazioni qualitative e di provenienza dei prodotti, contraffazione marchi, violazione della normativa in materia di sicurezza dei consumatori nonché sulla sicurezza dei giocattoli. Tra i prodotti tolti dal mercato, infatti, migliaia di articoli ludici e ricreativi destinati ai più piccoli.

Precarie condizioni di sicurezza

Ad aggravare la posizione dell’imprenditore, le precarie condizioni di sicurezza all’interno dei locali; in alcuni casi, infatti, le uscite di sicurezza erano inadatte al loro scopo tanto da non consentirne l’accesso in caso di emergenza anche per via dell’enorme quantitativo di materiale stoccato che ne impediva l’apertura, il tutto con evidenti rischi per l’incolumità dei lavoratori e degli stessi clienti.

Leggi anche:  Non paga le consumazioni e minaccia la barista

La denuncia e la sanzione

Il quarantenne, gestore del market, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Torino per contraffazione, violazioni sulla sicurezza dei prodotti e dei giocattoli, ricettazione e frode in commercio. Per lui, inoltre, sanzioni amministrative per 25.000 euro.