Shock anafilattico per una puntura di vespa. L’uomo si è sentito male mentre stava lavorando nel fienile in una frazione di Rivalba.

Shock anafilattico per una puntura di vespa

Migliorano velocemente le condizioni di salute dell’uomo che, venerdì mattina, 5 luglio, è andato in shock anafilattico a causa della puntura di una vespa. La corsa in ospedale ha consentito di salvargli la vita.

Il fatto

L’uomo, classe 1950, si trovava nel fienile della sua abitazione, in regione San Dalmazzo, quando ha accusato i primi sintomi. Una vespa l’ha punto provocando in lui una grave reazione allergica. Chiamati i soccorsi d’urgenza, sono sopraggiunti i sanitari del 118 che hanno provveduto a prestargli le prime necessarie per stabilizzarlo. Sul posto anche l’elisoccorso che l’ha poi trasportato all’ospedale Molinette di Torino in codice rosso.
Le sue condizioni sono apparse fin da subito gravi ma in netto miglioramento già al suo arrivo presso il nosocomio torinese. Ricoverato in via precauzionale, il sessantanovenne si ha risposto bene all’iniezione di adrenalina utilizzata in caso di anafilassi.
Pare inoltre che l’uomo, oltre a essere allergico alla puntura dell’insetto, avesse accusato anche un malore provocato dalle alte temperature di venerdì mattina, verso le 11.30.

Leggi anche:  Gaia e Michael, i due fidanzatini biellesi sono tornati a casa

I soccorsi

Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della stazione di Castiglione, chiamati a prestare supporto alle operazioni di soccorso e di atterraggio dell’elicottero del 118.
Una scena che ha attirato l’attenzione e la curiosità di molti residenti della zona, accorsi a vedere cosa stesse capitando nella piccola frazione rivalbese.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!