Si allontana per cercare funghi, lo trovano morto. L’uomo è stato trovato privo di vita in un piccolo torrente.

Si allontana per funghi

Si era allontanato da casa per cercare funghi, attività che conduceva frequentemente in questa stagione. Ma il suo mancato rientro a casa ha fatto temere il peggio. E’ successo ieri, lunedì 5 novembre, in una località tra Airasca e Scalenghe. A segnalare la scomparsa dell’uomo, i suoi figli preoccupati nel non rivederlo tornare all’imbrunire.

Il ritrovamento

Sono stati proprio i figli a ritrovare l’anziano genitore, 77 anni residente ad Airasca. Il corpo dell’uomo si trovava in un piccolo torrente. Purtroppo però, appariva già privo di vita. Immediati i soccorsi e l’intervento dei sanitari del 118, ma per lui non c’era più niente da fare.

I soccorsi

Il personale sanitario giunto sul posto ha tentato invano di rianimare l’uomo, ma ogni tentativo è stato vano. Secondo i primi accertamenti, la morte è avvenuta in seguito alla caduta nel corso d’acqua.

Le vittime dei boschi

Purtroppo sono tanti i cercatori di funghi che, in questi giorni, si infortunano o trovano la morte nei boschi piemontesi. Nella sola giornata di domenica, ad esempio, il bilancio è di quattro cercatori di funghi recuperati vivi dal personale del Soccorso Alpini e Speleologico Piemontese e un disperso. E’ sempre bene essere ben attrezzati  e informati sui rischi che si corrono ad avventurarsi nei boschi in montagna. Il numero di incidenti finora registrato quest’anno è infatti davvero elevato. Un triste record per l’autunno 2018.