Lo spaccio di droga correva sui social network. Gli agenti della Questura di Torino hanno arrestato un giovane italiano.

Spaccio di droga via social network

E’ vero che portava avanti la sua attività di spaccio nei pressi di piazza Santa Rita, a Torino, ma le “ordinazioni” di stupefacente avvenivano soprattutto attraverso i canali dei social network. Lo hanno scoperto gli agenti della Polizia di Stato di Torino che hanno sorpreso un giovane “social pusher”, di nazionalità italiana, che utilizzava le piattaforme di Snapchat e Facebook per organizzare lo spaccio attraverso un nickname di fantasia.

L’indagine

Gli agenti della Polizia di Stato di Torino, dopo essere venuti a conoscenza dell’attività illecita condotta dal ventottenne cittadino italiano, hanno perquisito la sua abitazione. Gli agenti a casa del giovane “social pusher” hanno rinvenuto quasi 200 grammi di sostanza stupefacente tra marijuana e hashish, oltre a tutto l’occorrente per il confezionamento delle dosi: bilancino di precisione, una bobina di cellophane e sacchetti multiuso. Inoltre, all’interno di una cassettina metallica, occultata in una scatola di scarpe ubicata nel ripostiglio, gli agenti hanno trovato e sequestrato denaro contante per oltre 36000 euro.

Leggi anche:  Pregiudicati e persone pericolose all'interno del bar, la polizia lo chiude

Alla luce dei fatti, il giovane cittadino italiano è stato arrestato per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!