Strage di pecore in Collina, manca la comunicazione ufficiale ma è già pronto il volantino “Attenti al lupo” della Città Metropolitana.

Strage di pecore in Collina

Dopo le continue stragi di capre e pecore sulle colline del Chivassese e il primo avvistamento di un lupo a Berzano San Pietro, è l’ora della verità.

La conferenza stampa

Nella mattinata di domani, sabato 24 ottobre, presso il Municipio di Lauriano, in via Mazzini 22, la consigliera delegata all’ambiente e alla tutela della flora e della fauna della Città metropolitana Barbara Azzarà e i sindaci del Chivassese si riuniranno per discutere le analisi effettuate dall’Ispra. Esami fondamentali per determinare la specie di carnivoro  che in questi mesi ha predato ovini e caprini nelle colline del Chivassese e del Basso Monferrato. Domani, quindi, sarà svelato ufficialmente se gli autori delle stragi siano cani o lupi.

Il volantino “Attenti al lupo”

L’annuncio ha però tutta l’aria di essere un “Segreto di Pulcinella”. Già nell’incontro di martedì a Casalborgone, promosso dal sindaco Francesco Cavallero con i “colleghi” della zona, è stato mostrato ai presenti un volantino dal titolo inequivocabile, “Attenti al lupo”. Perché farlo, se la linea ufficiale era quella di parlare di cani randagi? In ogni caso, preparatevi: se vi trovate davanti a un lupo, prima di morire di paura rimanete in piedi e battete le mani. C’è scritto nel volantino.

Leggi anche:  Incendio alla Reinol, difficili le operazioni di spegnimento