Vandali in azione danneggiano le auto parcheggiate in via Borsellino a San Mauro Torinese.

Vandali in aizone

Ecco tornare i vandali in azione che hanno danneggiato i paraurti delle auto parcheggiate quando il proprietario di una di queste vetture se n’è accorto ed è intervenuto. I tre ragazzi infatti, tutti giovanissimi, all’arrivo dell’uomo si sono agitati, ne è nato un diverbio. Si tratta quindi di «una rissa sfiorata», raccontano i testimoni. Alcuni passanti, accorgendosi di quello che stava capitando, sono quindi intervenuti in soccorso dell’uomo.

I carabinieri

Intanto sono stati chiamati i carabinieri. I tre, tuttavia, vedendo arrivare i militari della stazione di San Mauro, si sono dati alla fuga ma sono stati raggiunti e condotti in caserma.
E’ quanto successo nel primo pomeriggio di mercoledì scorso, 14 febbraio, intorno alle 13, in via Borsellino.

Gli autori

Il più giovane dei tre, una volta identificato, è risultato essere addirittura minorenne. Maggiorenni invece gli altri due. Uno di questi, dopo aver tentato di sfuggire ai carabinieri, è stato comunque raggiunto e denunciato per danneggiamento. Inoltre, tutti e tre al momento dell’episodio erano sotto effetto di alcool.

Leggi anche:  Ubriaco alla guida, denunciato e patente ritirata

Allerta sicurezza

Il quartiere Pragranda, quindi, torna al centro dell’attenzione per il problema sicurezza. Già durante l’estate, molti residenti della zona avevano segnalato la presenza di ragazzi fino a notte fonda nei parcheggi del centro commerciale o nei pressi dell’area cani. Urla, schiamazzi, atti vandalici e continui rumori fino a tardi avevano spinto i cittadini a chiamare, in più occasioni, le forze dell’ordine, facendole intervenire. La questione era arrivata anche tra i banchi del Consiglio comunale con alcune mozioni e interrogazioni presentate dall’opposizione al sindaco, chiedendo un intervento urgente e l’installazione di telecamere di videosorveglianza della zona. «Il rischio è che la situazione si faccia più seria, che i residenti esasperati intervengano in qualche modo», avevano esortato i consiglieri durante la discussione. «Dalla scorsa estate nulla è cambiato e mercoledì abbiamo superato il limite», commentano oggi gli stessi consiglieri. Sicuramente il tema tornerà a essere discusso nella prossima seduta in sala Falcone.