Una violenta rissa, scatenata da futili motivi, è scoppiata all’uscita da una discoteca di Moncalieri.

Guerriglia urbana di fronte alla discoteca

Una vera e propria guerriglia urbana di fronte a una discoteca di Moncalieri. E’ la scena cui hanno assistito gli agenti della Polizia di Stato al loro arrivo sul posto dopo la richiesta di intervento. La carreggiata stradale era infatti occupata da un folto gruppo di ragazzi, quasi una ventina, impegnati nel lancio di oggetti e bottiglie. C’erano anche persone armate di mazza da baseball e corpi contundenti improvvisati come tergicristalli strappati alle auto in sosta.

Una violenta rissa

Una rissa assurda scatenata da futili motivi che si è placata soltanto dopo l’arrivo delle volanti della Polizia quando, i protagonisti dei fatti, hanno cercato di disperdersi nel tentativo di far perdere le proprie tracce. Tra i fuggitivi, però,  gli agenti hanno raggiunto due giovani uno dei quali, un minore, prima di essere bloccato, danneggia il lunotto posteriore di un’auto in sosta. Alla fine i veicoli danneggiati risulteranno essere due. Gli agenti hanno quindi appurato che la rissa era iniziata per futili motivi all’uscita della discoteca e in una fase iniziale aveva visto coinvolte solo poche persone. Successivamente, i gruppi si erano infoltiti, amici che avevano passato la serata in discoteca erano stati “reclutati per vendicare i torti subiti”.

Leggi anche:  Videopoker e slot machines, decine di controlli: denunce e sanzioni nei locali

Le conseguenze fisiche

A seguito delle ferite subite, una persona coinvolta nella rissa viene trasportata in codice verde in ospedale dove sarà giudicato guaribile in 10 giorni. Lì, gli agenti trovano un altro giovane che sta ricorrendo alle cure mediche per le ferite lacero contuse al capo subite, giudicato poi guaribile in 15 giorni. Il ragazzo si trovava in ospedale in compagnia di altre persone che avevano preso parte allo scontro.

Quattro arresti e due denunciati

Al termine della ricostruzione dei fatti, gli agenti arrestano per rissa 4 persone di età compresa tra i 18 e i 25 anni, tutti cittadini italiani. Altre due persone vengono, invece, denunciate in stato di libertà, tra questi anche il minore al quale è stato anche contestato il reato di danneggiamento.