Concerto di Santo Stefano, Roberto Cognazzo all’organo. Lo spettacolo nella chiesa di Santa Maria Assunta, piazza della Chiesa a Montanaro.

Concerto di Santo Stefano

Holidays for organ è il concerto di musica leggera su organo previsto per il 26 dicembre a Montanaro, in provincia di Torino. Unico nel suo genere, primo fra gli  eventi musicali per organo del Canavese, il concerto di Santo Stefano di Montanaro avrà come titolo, nell’edizione 2018, Holidays for organ e, come musicista, il maestro Roberto Cognazzo. L’iniziativa è a cura di Antichi Organi del Canavese, collana discografica fondata da Adriano Giacometto e Roberto Ricco, in collaborazione con la Pro Loco di Montanaro.

I brani del Novecento

Il maestro Cognazzo suonerà l’organo della chiesa di Santa Maria Assunta, in una esibizione che ha del singolare: la sfida è interpretare brani del Novecento su uno  strumento nato per diffondere musica sacra. In agenda ci sono brani già registrati nel cd Holidays for organ: tra gli altri, Moon River di Henry Mancini, Caravan di Duke Ellington, Fascinatin’ Rhythm di George Gershwin, Yesterday di Jean Paul McCartney. Cognazzo sarà accompagnato, in alcuni brani, da Maria Grazia
Pavignano.

Le parole del musicista

“La musica di intrattenimento è sempre esistita, solo in forme diverse da quelle che conosciamo oggi”, ha detto Roberto Cognazzo. “Per me, suonare su organo musiche dei Beatles o di Gershwin è come un esperimento: una prova bellissima e divertente”.

Leggi anche:  "Nota le note": sul palco gli allievi Mysound

La tradizione

I concerti di Santo Stefano sono una tradizione a Montanaro. L’idea, inedita, risale al ’96, quando l’organo della chiesa fu restaurato e venne realizzata la prima registrazione musicale a cura di Antichi Organi del Canavese. L’organo di Santa Maria Assunta è uno strumento storico. Anche se la struttura attuale rispecchia
la ricostruzione, nel 1872, a opera di Giacomo Vegezzi Bossi, lo strumento ha parti più antiche: la cassa lignea, di impianto monumentale, risale al 1810. Ancora oggi, lo strumento ha in tutto 2400 canne. Il binomio tra musica leggera e organo è solo l’ultimo dei progetti di Antichi Organi del Canavese, collana discografica che conta, oggi, 45 produzioni musicali.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!