Don Bosco tra i ragazzi di Don Pato.

Don Bosco

Dopo mesi di festa in onore di San Giovanni Bosco, i salesiano hanno lasciato Trino. Domenica scorsa, infatti, per tutta la giornata è andata in scena una bella festa dedicata proprio a uno dei santi più amati e celebrati del Piemonte: don Bosco.

I festeggiamenti

Il primo appuntamento della giornata è stata la Santa Messa delle ore 10, nel corso della quale don Patrizio, anche conosciuto come don Pato, ha raccontato di come “Giovannino”, a soli nove anni, fece un sogno premonitore da cui poi nacquero le linee guida del suo impegno. Tra queste, infatti, il campo di lavoro, il metodo educativo, l’atteggiamento da assumere , la sua Maestra e sostegno del percorso, i frutti del suo impegno. Tale racconto è avvenuto in compagnia di un ragazzino di nove anni che ha incarnato il giovane don Bosco accompagnato per l’occasione dal coro parrocchiale.
Al termine della celebrazione don Pato ha invitato tutti i ragazzi e gli adulti nel cortile a consumare la colazione di don Bosco fatta di tea caldo, panini, panettone e bibite.

Leggi anche:  Enrico Ruggeri alla Festa dei Nocciolini

I giochi

Nel pomeriggio, inoltre, l’oratorio ha ospitato stand con tanti giochi proposti dagli animatori e da don Patrizio. Infine, la proiezione di un documentario sulla vita di don Bosco realizzato, qualche anno fa, dalla compagnia teatrale dell’oratorio in occasione del centocinquantesimo. La giornata è poi terminata con lo spettacolo, in serata, che ha anticipato l’estrazione di due premi. In conclusione della bella giornata, la preghiera corale.
Domani, mercoledì 31 gennaio, si concluderanno le celebrazione con la Santa messa presso la chiesa del Sacro Cuore di Trino, alle 11. Durante la quale verrà distribuito il pane benedetto e, per chi vorrà, con l’ufficio solenne delle ore 18,30 a Valdocco dove don Jacek onorerà la memoria del santo con i partecipanti proponendo preghiera e rinfresco.