Gobetti, l’ultimo spettacolo della stagione e di un futuro incerto. Questa sera l’ultimo appuntamento alla sala sanmaurese, dopo mesi di grandi successi per un teatro “rinato”.

Gobetti, l’ultimo spettacolo

Toccherà a “Romeo e Giulietta”, questa sera, martedì 11 giugno, chiudere la fortunata stagione del cinema teatro Gobetti. Il balletto di Kenneth MacMillan è ormai un classico moderno ispirato alla grande tragedia romantica di Shakespeare ambientata nella Verona del Sedicesimo secolo. I ballerini del Royal Ballet, Matthew Ball e Yasmine Naghdi, interpretano i giovani amanti in un balletto che offre uno straordinario pas de deux, oltre a scene corali tra cui combattimenti mozzafiato a colpi di spada. La coreografia racconta le emozioni della sfortunata coppia, che si innamora nonostante gli ostacoli posti dalle rispettive famiglie che porteranno al tragico epilogo. Il balletto di MacMillan è stato rappresentato ormai più di 400 volte da quando è stato presentato per la prima volta nel 1965 ed è diventato così un caposaldo del repertorio del Royal Ballet.

Futuro incerto

La burocrazia “spegne” il Gobetti. Sono i primi giorni di marzo quando il Comune consegna la documentazione necessaria all’Unione dei Comuni Net affinché si possa procedere con la redazione e la successiva pubblicazione del bando per la gestione del Gobetti. L’affidamento diretto a E20inscena, avvenuto lo scorso anno, si è dimostrato una scelta vincente ma è necessario procedere con una gara per dare la corretta forma giuridica dell’appalto al futuro gestore. Passano i giorni, le settimane, i mesi e del bando ancora nessuna traccia sul sito del Net. La nomina del nuovo gestore – affinché non si comprometta la stagione 2019/2020 – sarebbe dovuta a inizio giugno ma qualcosa nella stazione appaltante è andato storto.

L’amarezza del Comune

A seguire con preoccupazione l’iter del bando per il Gobetti è l’assessore alla Cultura Giulia Guazzora che, dalla sua entrata in Giunta, ha sempre mostrato particolare attenzione al rilancio del teatro. «Purtroppo il bando è fermo in Unione a causa del poco personale impiegato per la redazione dei bandi – spiega -. Noi abbiamo continuato a sollecitare il Net, spiegando le esigenze di una pubblicazione tempestiva al fine di consentire al nuovo gestore la possibilità di organizzare la stagione teatrale per tempo. Purtroppo l’ente non possiede una settorializzazione specifica per i bandi culturali, ma procedono per “scadenze”, essendo quindi il contratto del Gobetti in scadenza il 31 agosto è stata data priorità ad altro. Purtroppo però, il rischio è di perdere tutto quanto fatto in quest’anno, notevoli sforzi da parte di tutti per rilanciare il teatro a San Mauro. La nuova gestione rappresentava il punto zero, invece ha ottenuto un dieci e lode per l’attività e i risultati ottenuti, la formula era cresciuta molto e ha portato tante belle esperienze, intercettando un vasto pubblico proveniente non solo da San Mauro ma anche da Torino fino a Chivasso. Sono molto amareggiata, ma al tempo stesso il Comune ha le mani legate sulla vicenda».

Leggi anche:  Nino Frassica apre la stagione teatrale di Chivasso

Dall’Unione dei Comuni

«Nei prossimi dieci giorni ci sarà la pubblicazione del bando per il Gobetti», spiega Stefano Maggio, direttore del Net. A rallentare la redazione del documento, la priorità di altri bandi per la Città di San Mauro. «E’ stata richiesta priorità per altri progetti – precisa Maggio -, quali Pragranda e San Mauro Città Sicura. Entrambi sono stati pubblicati e adesso stiamo lavorando per completare quello che riguarda il teatro Gobetti. Entro dieci giorni sarà pubblicato, dopodiché rimarrà aperto trenta giorni, a seguire l’apertura delle buste. Tempi rispettati, quindi, la stagione non sarà compromessa».