Sabato 16 e domenica 17 novembre 2019 l’antica Fera dij Coj invaderà le vie di Settimo Torinese. Una manifestazione assolutamente da non perdere.

La Fera dij Coj invaderà le vie di Settimo Torinese

E’ l’appuntamento più importante del territorio, capace di coinvolgere ogni anno migliaia di persone, oltre che essere una delle fiere più antiche d’Italia. Stiamo parlando della Fera dij Coj di Settimo Torinese, quest’anno giunta alla 171ª edizione, che si terrà il 16 e il 17 novembre. Un appuntamento autunnale ormai consolidato. Protagonista assoluto come si sa è il cavolo, prodotto tipico settimese: un’occasione per riscoprire le radici gastronomiche locali, in una cornice che offrirà musica, spettacoli, degustazioni e shopping grazie all’apertura straordinaria dei negozi per l’intera giornata di domenica 17 novembre in tutta l’area in cui verrà allestita la Fiera. Tra le centinaia di bancarelle ce ne sarà come sempre per tutti i gusti: dagli antichi mestieri alle specialità locali dolci e salate, dai produttori a chilometro zero agli immancabili pes-coj per finire con la tradizionale zuppa di cavolo. Non mancheranno le attrazioni per i più piccoli: la fattoria degli animali, con la possibilità di vedere dal vivo animali da stalla e da cortile, e fare brevi passeggiate a cavallo.
La Fera dij Coj deve il suo straordinario successo al fatto che in questi anni ha sempre saputo coniugare tradizione e rinnovamento, riuscendo a introdurre ogni anno novità interessanti all’interno di un programma consolidato e apprezzato non solo dai settimesi ma da tutto il territorio circostante. Tutto questo è reso possibile dal grande lavoro di organizzazione e coordinamento che svolge la Pro Loco di Settimo Torinese, in collaborazione con le altre associazioni cittadine: per due giorni i volontari saranno in piazza per animare e colorare le vie di Settimo Torinese.

Il programma

La fiera è importante per la città e le cifre dell’evento sono da capogiro: ogni anno registra una grande affluenza di pubblico e questo è appunto la conferma: è un fine settimana importante per farsi conoscere e apprezzare dai visitatori, un momento di visibilità tra chi non conosce le ricchezze che la città può offrire. Passeggiando per le vie sarà possibile scoprire il «centro commerciale naturale: infatti i negozi per l’intera giornata di domenica e nell’area della Fiera saranno aperti. Ogni anno aumenta anche la richiesta da parte degli standisti di partecipare alla Fera dij Coj, quindi un buon segno che denota l’importanza dell’appuntamento settimese. Probabilmente anche perché si svolge in un periodo in cui non ci sono molte manifestazioni di questo genere, e poi è un evento dedicato a tutte le età.
Quest’anno si terrà sabato 16 e domenica 17 novembre: la presentazione ufficiale avverrà venerdì 15 a partire dalle ore 21 nella Sala Consiliare di piazza Vittorio Veneto, con l’investitura dei Reali dij Coj e la presentazione di una nuova confraternita. La serata, a cura del Centro di Studi Settimesi, sarà allietata da brani eseguiti al pianoforte da Matteo Barbero.
Sabato 16 novembre alle ore 15 al circolo Richiardi in via Marco Polo 15 «Baraonda dei Coj»: due partite senza limite di tempo.
Domenica 17 novembre dalle ore 10 alle ore 19 in via Torino «Associazioni in fiera».
Sabato 16 e domenica 17 invece via Italia, piazza della Libertà, piazza San Pietro, via Dante, piazza Vittorio Veneto, viale Piave e via Castiglione (solo per la giornata di domenica la fiera prosegue in via Torino e piazza Campidoglio) si trasformeranno nelle Strade dij Coj. Dalle ore 10 alle ore 19 in piazza Vittorio Veneto verrà allestito il mercato con specialità alimentari, mentre in piazza della Libertà il mercato ortofloro frutticolo. Dalle ore 12, sempre in piazza della Libertà, «Sapori della tradizione»: stand gastronomico a cura della Pro Loco, Borgata Paradiso e Cascina San Giorgio, con proposte di piatti tradizionali salati e dolci come pes-coj (involtini di cavolo), supa dij coj (zuppa di cavoli), supa dij fasoj (zuppa di fagioli), agnolotti del cavolo con burro e salvia, salamelle con crauti, salamelle con patatine fritte. La Pro Loco di Brandizzo proporrà frittelle di mele.
Dalle ore 10 alle ore 19 nell’area verde intorno al Vecchio Mulino di via Castiglione «Nella vecchia fattoria», a cura di Pro Loco e Coldiretti: si potranno vedere animali da stalla e da cortile, un’oasi di prodotti tipici, antichi mestieri, i più piccoli avranno la possibilità di fare una passeggiata con i cavalli grazie alla scuderia Lo Sperone di Bussolino di Gassino, e si potranno ammirare le creazione in legno realizzata con il motosega dallo scultore Viglianco.
Dalle ore 10 alle ore 19 via Roma si trasformerà in «Cavolo che Via», con stand delle associazioni locali e dei Circoli didattici settimesi.
Dalle ore 16 nella Sala Levi della Biblioteca Archimede di piazza Campidoglio «12 storie per 12 canzoni»: letture e canto a cura dei cantori dell’Unitre di Settimo Torinese e di Volpiano.
Dalle ore 12 alla Caffetteria Simona e Simona tavola calda-tea shop in via Cavour 16 «La via del tè»: verrà proposto un menù del cavolo e non solo (lasagne del cavolo, polenta e cinghiale e non solo).
Per tutto il periodo della Fiera «Cavolo che Fiera!: raduno camperistico in piazza Freidano a cura del Camper Club «La Granda» sezione Alpi (per informazioni contattare il numero 338/2142239).

Leggi anche:  La Magia del Natale in Valle D’Aosta LE FOTO

I nuovi Reali

La presentazione ufficiale della Fera dij coj si terrà venerdì 15 novembre alle ore 21 nella Sala Consiliare di piazza Vittorio Veneto di Settimo Torinese. Durante la serata ci sarà l’investitura dei Reali dij Coj e la presentazione di una nuova confraternita. Ad allietare l’evento, a cura del Centro di Studi Settimesi, alcuni brani eseguiti al pianoforte da Matteo Barbero.

Dove parcheggiare

La Fiera verrà allestita lungo le vie e le piazze del centro storico di Settimo Torinese: sia sabato 16 che domenica 17 in via Italia, piazza della Libertà, piazza San Pietro, via Dante, piazza Vittorio Veneto, viale Piave e via Castiglione, mentre domenica 17 proseguirà anche in via Torino e in piazza Campidoglio. Numerosi i parcheggi disponibili all’esterno dell’area: via Torino, via Giannone, via Schiapparelli (stazione ferroviaria), via Milano, piazza Donatori e quello multipiano in via Dalla Chiesa, sono a pagamento nella giornata di sabato, domenica gratuiti, mentre in viale Piave si potrà sostare gratuitamente, nel piazzale del mercato, solo nella giornata di domenica, si potrà sostare gratuitamente. Via Italia e la prima parte di via Torino che costeggia piazza Campidoglio, via Roma, via Roosvelt, via Giannone, via San Mauro, via Dante e via Castiglione (fino al parcheggio del piazzale del mercato). Lo stand gastronomico sarà allestito in piazza della Libertà. Piazzale Freidano invece ospiterà il raduno camperistico.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!