Nella giornata di lunedì i ragazzi delle terze dell’Istituto Silvio Pellico hanno incontrato il regista Enrico Verra in seguito alla visione di un suo film

L’incontro con il regista

In data lunedì 11 Marzo, presso la scuola Media locale “Silvio Pellico”, si è svolto l’incontro con le classi terze dell’Istituto con il regista Enrico Verra e Cesare Carlo Chiesa, segretario generale della fondazione “Vittorio Bersezio”. L’incontro è avvenuto in seguito alla visione del film “A spasso con i fantasmi, il viaggio nella Torino dell’Ottocento” che gli studenti hanno visto nelle aule, ma che la Scuola non voleva limitare ad una sola visione, bensì renderlo un progetto attivo e partecipativo per i ragazzi. Le classi hanno lavorato con i docenti al fine di preparare le domande per l’intervista e con grande entusiasmo le hanno poste lunedì al regista Verra chiedendogli informazioni dai dettagli più tecnici del suo film alle sfaccettature della professione di regista.

La collaborazione con la Fondazione Vittorio Bersezio

Si tratta della prima collaborazione con la “Fondazione Vittorio Bersezio” che si è resa disponibile a collaborare con la scuola al fine di affrontare insieme le tematiche del Risorgimento per mostrare agli alunni che ciò che studiano spesso valica i libri di scuola e diventa realtà. Un progetto accolto con entusiasmo dalle classi terze che non finisce qui. Con la professoressa di musica Gramaglia si apre ora un nuovo capitolo del progetto dedicato all’Inno di Mameli avviato dal dono di un cofanetto-documentario da parte della Fondazione che vedrà i ragazzi impegnati nella visione e nell’incontro con il regista del documentario.

Leggi anche:  Da Foglizzo a Pechino senza usare aerei: il viaggio di Inserra I VIDEO

Le parole della docente Cecilia Russo

«L’incontro è stato, tra gli atri risvolti educativi didattici, un modo per interfacciare i ragazzi con una professione che non avevano mai avuto occasione di esplorare così da vicino – spiega la docente Cecilia Russo impegnata attivamente nel progetto – questo successo dimostra che talvolta è solamente necessario che la Scuola chieda, che prenda l’iniziativa ed inviti una Fondazione esterna, per realizzare progetti interessanti».